Città in rovina – L’ex cartiera di via Assisi

image.jpeg

 

Se non fossimo a Roma e dunque non fossimo abituati al degrado e all’abbandono, potremmo pensare che il Ministero del Tesoro abbia incentivato le continue occupazioni dell’ex Cartiera di via Assisi. Uno stabile di 13mila metri quadri all’interno di un’area di 35mila chiusa dal 1963 e preda di occupanti che a ondate hanno lasciato alle loro spalle solo rifiuti e devastazione.

I comitati di quartiere si sono sgolati per anni nel tentativo di far sgomberare e chiudere definitivamente gli accessi. A volte sono stati ascoltati sugli sgomberi, attuati con cadenza biennale o triennale, ma nulla è stato fatto per mettere in sicurezza l’area e impedire nuovi ingressi.

E così l’ex cartiera è oggi una immensa discarica coperta da uno stabile semi-pericolante. L’ Ente Cellulosa e Carta, un tempo proprietario dell’immobile, lo ha riconsegnato al Ministero del Tesoro. Questo ha dato incarico alla società Ligestra Due, del gruppo Fintecna, di vendere l’intero complesso. Ma sono anni che le vendite non riescono ad andare a buon fine. Il motivo? Perchè lo stabile è sempre occupato. Ma lo stabile è occupato perchè nessuno lo chiude. Insomma un circolo vizioso fatto di sciatteria, incompetenza e probabilmente anche negligenza. Sul sito della Ligestra Due srl l’ultima procedura di vendita risale al maggio 2015. Ma anche questa è andata deserta.

RIFIUTI-EX-CARTIERA-VIA-ASSISI-2

 

assisi2
L’ultimo sgombero (foto Repubblica)

 

 

Gli incendi, alcuni molto violenti, sono stati all’ordine del giorno. Nel 2012 un’intera ala andò distrutta e le polveri di amianto finirono disperse nell’aria. Nel 2013 uno sgombero, seguito da una nuova occupazione. La notte oltre 100 persone di varia nazionalità dormivano o organizzavano attività illecite. I carabinieri hanno smantellato due bande dedite allo spaccio che avevano la loro base operativa nell’ex cartiera.

A ottobre del 2015 l’ultimo sgombero. La scena che si presenta all’interno è raccapricciante e ora non si capisce se le spese per la bonifica dovranno essere a carico del Ministero del Tesoro o del Comune.

Via Assisi-3

 

In questo filmato i rappresentanti di un comitato di cittadini raccontano cosa significhi vivere a due passi dall’ex Cartiera con gli odori e i rumori che si sprigionano a tutte le ore.

 

Cosa accadrà di questo stabile non è dato sapere. Siamo in un quartiere centrale di Roma, di fronte la stazione Tuscolana, un luogo che in una città normale sarebbe rivalutato, trasformato in biblioteca, centro anziani, abitazioni, palestre, asili nido e così via. Potrebbe creare lavoro e ridare decoro alla zona. Purtroppo, si sa, non siamo in una città normale ma in una città in rovina.


 

Clicca qui per le precedenti puntate di Città in rovina

Condividi:

Una risposta

  1. Città in rovinosa decadenza, lasciata in mano al peggiore di turno. Perfino la parola vergogna, perde il suo sprezzante significato quando accostato a roma, rigorosamente in minuscolo : la città in cui sono nato, a cui vorrei riuscire a volere bene, ma che riduce i sui abitanti, anche quando giovani e giovanissimi, ad un raccapricciante senso di rassegnazione e smarrimento. Una città vecchia, che ti fa crescere vecchio, e che rapidamente ti invecchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »