Ciclabile di Via Capoprati a rischio investimenti (da BiciRoma)

Rilanciamo il comunicato stampa di BiciRoma dello scorso mercoledì 23 maggio:

 

Gentile redattore,

le alleghiamo due foto rappresentative della realtà, assai diversa dalle belle intenzioni che si pronunciano nelle interviste, nei seminari o dinanzi alle assemblee o commissioni politiche.
Vediamo da anni come questa ciclabile sia, invece che per i ciclisti, ad uso e consumo di automobilisti che la usano come parcheggio per andare agli eventi del Foro Italico e via di scorrimento!
Siamo dinanzi ad un totale disinteresse da parte di chi invece va sbandierando di essere pro mobilità ciclistica.
BiciRoma chiede (vedi allegato), come aveva già fatto informalmente (insieme ad un rappresentante della PLRC del XV Gruppo) in una precedente commissione mobilità, che tale ciclabile, facente parte della dorsale Tevere, torni ad essere una strada senza uscita, come era in precedenza, ed uso esclusivo dei ciclisti (la ciclabile) e dei pedoni  la parte di Via Capoprati non ciclabile.
Questo sarebbe un provvedimento quasi a costo zero, ma non si fa……….
La foto con il ragazzino davanti l’auto è eloquente sui rischi che in quella che dovrebbe essere un’area sicura invece si vanno a correre perchè non ci sono segnaletica e sbarre di interdizione per i motorizzati.
L’amministrazione comunale cosa intende fare?
Grazie
Cordiali saluti

Fausto Bonafaccia

Associazione Due Ruote d’Italia onlus
ssd BiciRoma a r.l.
lungotevere della Magliana 118
00146 Roma
Tel 0655590106
Fax 0655268356

 

 

 

 

Immagini di grande violenza quelle mostrate, per chi riesce a cogliere la prepotenza di veicoli a motore che invadono impunemente lo spazio riservato a pedoni e biciclette.
Nel vedere queste brutte cose non possiamo non ricordare le parole che volle usare il Sindaco Raggi in un vecchio ed indimenticato “La Sindaca informa”:

 

 

Sì, col fischio!

 

Infine, se ci fosse stato un delegato alla ciclabilità a Roma si sarebbe potuto chiedere a lui/lei di perorare questa causa, ma evidentemente l’assessore alla mobilità e lo stesso Sindaco devono pensare che la situazione sia così rosea da non richiedere una tale figura.
Insomma, tutto va ben madama la marchesa, peccato che di quando in quando ci pensi la realtà a dimostrare quanto le cose stiano in maniera ben diversa. L’ultimo caso è la ricerca commissionata da Greenpeace che mostra come Roma sia ultima tra le grandi città europee nella mobilità sostenibile.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Corso Trieste: i pini sottoposti a test di tenuta.
Domenica i tecnici dell’Ufficio Giardini hanno provato la resistenza degli alberi davanti al Giulio Cesare. Ulteriori prove su tutta la strada nel mese di marzo.
#fotodelgiorno

Ancora schiaffi in faccia ai vigili romani!
Nuovo giro di affissioni dei cartelli abusivi gialli del solito traslocatore, come a dimostrare che il territorio lo controlla lui e non la Polizia Locale. Tutto a posto comandante De Sclavis?
@gualtierieurope

Finisce l’inverno e tornano le erbacce che nessuno estirpa.
In primavera occorre diserbo e manutenzione. Nella foto le aiuole di piazza Palombara Sabina dove non si fa alcun intervento.
#fotodelgiorno

#CheAriaFa a #Roma e nel #Lazio? Ieri 27/02/2024 nessuna centralina ha superato i limiti di legge per #pm10: https://www.arpalazio.net/main/aria/sci/qa/misure/PM10.php
@SNPAmbiente @ISPRA_Press @ConsiglioLazio #ARPALazio #Ambiente

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria