Casalotti: funivia, no people mover, anzi monorotaia

Dalla funivia Battistini-Casalotti al people mover, sistema di trasporto automatizzato realizzato su monorataia, con forti dubbi sull'efficacia e i costi

Un lettore appassionato di trasporti, di provata competenza, ci ha fatto avere una sua alquanto caustica riflessione sul people mover Battistini-Casalotti. 

 

Sembra la celebre puntata dei Simpson e forse sarà così, nel 1° Rapporto alla Città il sindaco Gualtieri ha annunciato la sostituzione della celebre funivia Battistini-Casalotti, nota ai romani come ‘a funivia daa Raggi, con un’infrastruttura alternativa meno impattante.

Doveva esse’ metro, doveva esse’ minimetrò, poi funivia, ma alla fine non se ne farà niente. Il sindaco Gualtieri e l’assessore alla mobilità Patanè hanno messo una croce sulla funivia Casalotti: le ragioni sono tante, pretestuose e politiche. Per il mastro dei trasporti c’è un problema di sicurezza e di privacy, perché evidentemente i tecnici del Ministero non hanno a cuore l’incolumità e le pudenda dei cittadini romani, ma il sottotesto è quello di una vendetta politica nei confronti della ex sindaca. E così, pur di arrabattare quel che si può per tenere a bada i cittadini, sarà necessario chiedere al MIT una variante straordinaria al progetto per realizzare qualcosa di altrettanto inefficiente ma che consenta comunque al primo cittadino di tagliare un nastro.

In prima battuta si sarebbe dovuto realizzare un people mover, ossia un sistema di ovetti su ferro che, trainati da una fune, consentono prestazioni del tutto simili a quelle scadenti della già approvata funivia. Se non che l’opera, molto probabilmente, costerà almeno il doppio dei 110 milioni di euro preventivati e stanziati e avrà costi di gestione e manutenzione pesantissimi. A Pisa, per esempio, il comune è pronto a svendere l’infrastruttura al migliore offerente, a Bologna la monorotaia è più ferma che in servizio.

Ed è così che agli stati generali del 1° anno di mandato, sulla relazione consegnata alla stampa, al punto 1.2.2 il people mover, viene specificato, diventa “un sistema di trasporto automatizzato realizzato su monorataia”.

Cambio di idea? No, è più probabile che su in Campidoglio le idee siano poche e molto confuse. Già con la giunta Raggi, l’allora assessore alla mobilità Meleo aveva salutato la funivia indicandola erroneamente come funicolare.

Ed è così che il refrain del “Ricomincio da capo” col quale ogni 5 anni si azzera tutto il lavoro dell’amministrazione precedente ci gonfierà il cuore di speranze per poi ributtarci nella costante delusione della consapevolezza di tutto ciò che si sarebbe potuto fare ma che non è stato fatto. Un disturbo ossessivo compulsivo della politica romana che ha preso in ostaggio la Capitale d’Italia e i suoi cittadini: la mobilità può aspettare.

Condividi:

2 risposte

  1. Non capisco quale sia il problema:
    “Qualora non dovesse più servire, il people mover, si smonta e si può rimontare da un’altra parte.”(cit.)😂🚊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Natura Morta a Roma (2022) Via di Villa Ada, tronco d’albero usato come posacenere dai dipendenti del Ministero del Turismo in pausa (foto e segnalazione Lorenzo G.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Natura Morta a Roma (2022)
Via di Villa Ada, tronco d’albero usato come posacenere dai dipendenti del Ministero del Turismo in pausa (foto e segnalazione Lorenzo G.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/LTwESVPt2x

"Le persone con disabilità rappresentano un giacimento di qualità, energie e risorse di cui il Paese spesso si priva perché non li mette nelle condizioni di esprimerle" Sergio Mattarella @Quirinale Retweeted by diarioromano

Rfi promette (di nuovo) di abbattere le #barriere architettoniche nelle stazioni. 822 milioni in tre anni. Ma il problema resta la #manutenzione scarsa degli impianti esistenti, come a Serenissima. 👇📰 diarioromano.it/rfi-promette-d…

Sempre in attesa del piano industriale di #AMA, in un luogo secondario come piazza del Popolo un locale ristorante ha deciso di tenere i bidoncini dei rifiuti sempre fuori. Segnalazioni a Municipio e Comune cadono nel vuoto. @lorenzabo @Sabrinalfonsi @gualtierieurope

test Twitter Media - Sempre in attesa del piano industriale di #AMA, in un luogo secondario come piazza del Popolo un locale ristorante ha deciso di tenere i bidoncini dei rifiuti sempre fuori. Segnalazioni a Municipio e Comune cadono nel vuoto.
@lorenzabo @Sabrinalfonsi @gualtierieurope https://t.co/N0dMz5YFeg

Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon. Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon.
Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3tKT8tMveu
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

A Roma i disabili non esistono!

Anche quest’anno la Giornata Internazionale delle persone con disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close