Casalotti: funivia, no people mover, anzi monorotaia

Dalla funivia Battistini-Casalotti al people mover, sistema di trasporto automatizzato realizzato su monorataia, con forti dubbi sull'efficacia e i costi

Un lettore appassionato di trasporti, di provata competenza, ci ha fatto avere una sua alquanto caustica riflessione sul people mover Battistini-Casalotti. 

 

Sembra la celebre puntata dei Simpson e forse sarà così, nel 1° Rapporto alla Città il sindaco Gualtieri ha annunciato la sostituzione della celebre funivia Battistini-Casalotti, nota ai romani come ‘a funivia daa Raggi, con un’infrastruttura alternativa meno impattante.

Doveva esse’ metro, doveva esse’ minimetrò, poi funivia, ma alla fine non se ne farà niente. Il sindaco Gualtieri e l’assessore alla mobilità Patanè hanno messo una croce sulla funivia Casalotti: le ragioni sono tante, pretestuose e politiche. Per il mastro dei trasporti c’è un problema di sicurezza e di privacy, perché evidentemente i tecnici del Ministero non hanno a cuore l’incolumità e le pudenda dei cittadini romani, ma il sottotesto è quello di una vendetta politica nei confronti della ex sindaca. E così, pur di arrabattare quel che si può per tenere a bada i cittadini, sarà necessario chiedere al MIT una variante straordinaria al progetto per realizzare qualcosa di altrettanto inefficiente ma che consenta comunque al primo cittadino di tagliare un nastro.

In prima battuta si sarebbe dovuto realizzare un people mover, ossia un sistema di ovetti su ferro che, trainati da una fune, consentono prestazioni del tutto simili a quelle scadenti della già approvata funivia. Se non che l’opera, molto probabilmente, costerà almeno il doppio dei 110 milioni di euro preventivati e stanziati e avrà costi di gestione e manutenzione pesantissimi. A Pisa, per esempio, il comune è pronto a svendere l’infrastruttura al migliore offerente, a Bologna la monorotaia è più ferma che in servizio.

Ed è così che agli stati generali del 1° anno di mandato, sulla relazione consegnata alla stampa, al punto 1.2.2 il people mover, viene specificato, diventa “un sistema di trasporto automatizzato realizzato su monorataia”.

Cambio di idea? No, è più probabile che su in Campidoglio le idee siano poche e molto confuse. Già con la giunta Raggi, l’allora assessore alla mobilità Meleo aveva salutato la funivia indicandola erroneamente come funicolare.

Ed è così che il refrain del “Ricomincio da capo” col quale ogni 5 anni si azzera tutto il lavoro dell’amministrazione precedente ci gonfierà il cuore di speranze per poi ributtarci nella costante delusione della consapevolezza di tutto ciò che si sarebbe potuto fare ma che non è stato fatto. Un disturbo ossessivo compulsivo della politica romana che ha preso in ostaggio la Capitale d’Italia e i suoi cittadini: la mobilità può aspettare.

Condividi:

2 risposte

  1. Non capisco quale sia il problema:
    “Qualora non dovesse più servire, il people mover, si smonta e si può rimontare da un’altra parte.”(cit.)😂🚊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »