Buono spesa in cambio del vetro: la soluzione per eliminare le bottiglie dalle strade

Vetro bottiglie abbandonate

 

Scene come questa sono diffusissime a Roma: bottiglie di birra abbandonate ovunque che spesso si rompono creando pericolo per i passanti.

In molti paesi il problema è stato risolto con il “vuoto a rendere” nei supermercati. Si restituisce il vetro e il negozio offre in cambio degli sconti sugli acquisti. Ma sempre più si sta diffondendo l’uso di semplici macchinette, posizionate sulle strade, nelle quali chiunque può conferire il vetro. La macchina rilascia buoni da poter spendere in molti negozi.

L’uovo di colombo per Roma. La massa di recuperanti dei cassonetti troverebbe conveniente raccogliere le bottiglie sparse in strada. E in pochi giorni non ne vedremmo più neanche una abbandonata. Oltre all’ovvio vantaggio ecologico del riciclo del vetro, materiale che è potenzialmente riutilizzabile all’infinito.

L’altro vantaggio sarebbe per le casse comunali: oggi differenziare il vetro dagli altri materiali depositati nei cassonetti blu costa molto, mentre se il vetro viene separato in origine, il costo si riduce di oltre il 50%.

Se non vuole farlo il Comune, dovrebbe incentivare i privati a investire nel settore. In via sperimentale è già partito qualcosa di simile per plastica e lattine. La macchina che vedete qui sotto è posizionata accanto ad un distributore di benzina in via Ottavio Gasparri a Monteverde.

Macchina mangiarifiuti 4

Macchina mangiarifiuti

Macchina mangiarifiuti 2

Come si capisce facilmente dai disegni, falconi di shampoo, contenitori del detersivo o lattine diventano scontrini prepagati in diversi negozi della zona.

Inoltre la ditta ha un guadagno dagli sponsor che coprono i costi vivi della macchina e su uno dei fianchi può essere riservato uno spazio per la pubblicità.

Macchina mangiarifiuti 5

Il decreto sull’Ambiente collegato alla Legge di Stabilità del 2014, prevedeva per i comuni proprio questa possibilità. Il vetro in particolare  gode di agevolazioni importanti.

Finora dal Campidoglio nessuno ha pensato a mettere in piedi un sistema di questo tipo. Basterebbe molto poco, probabilmente un paio di delibere. Forse proprio perché è una soluzione troppo semplice e utile alla città nessuno l’ha presa in considerazione.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La PA a #Roma è come un acquario in acqua stagnante. Intervista ad Alfredo Martini (@CCantiere). Una classe amministrativa più giovane, 15 veri comuni autonomi e flessibilità urbanistica. Una ricetta per uscire dalla crisi tremenda del dopo #Covid. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-pa-a-roma-e…

Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter) . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter)
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/2rcCjPcC8B

E niente, anche oggi la normativa definitiva sulle OSP verrà forse approvata domani, anzi al meglio lunedì. Ma per il presidente @AndreaCoiaM5S la responsabilità è sempre di qualcun altro. facebook.com/AndreaCoiaM5SR…

PD giù la maschera. Contro la delibera per aiutare le attività produttiveVirginia Raggi

Pubblicato da Andrea Coia su Venerdì 3 luglio 2020

Ma veramente @Lavoratori_Ama? twitter.com/mbx1900/status…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close