Bilancio Atac: Lemmetti neo assessore la pensa come Rota eppure…..

lemmetti
Gianni Lemmetti (foto Nextquotidiano.it)

 

 

Mentre tutti i giornali e le opposizioni hanno gioco facile a criticare la Raggi per la nomina del quarto assessore al bilancio in un anno, nessuno sottolinea un controsenso poco spiegabile. Il neo titolare del bilancio Gianni Lemmetti viene da Livorno dove ha fatto fuoco e fiamme per avviare una procedura di concordato preventivo per Aamps, la municipalizzata dei rifiuti. La stessa ricetta che applicherà per Atac, ormai sull’orlo del fallimento. Ma il primo a spingere per il concordato preventivo fu Bruno Rota, direttore generale di Atac per soli 3 mesi, che raccontò sprezzante di “aver spiegato ai grillini cosa è un concordato preventivo“. Ebbene, per questa sua scelta la Sindaca decise di metterlo alla porta.

A poche settimane dalla cacciata di Rota, ecco arrivare Lemmetti che farà esattamente la stessa cosa: il concordato preventivo. La logica (se tale può chiamarsi) dell’amministrazione pentastellata è molto contraddittoria e può spiegarsi solo con una profonda spaccatura interna tra l’ala romana (quella rappresentata da De Vito e Lombardi) e quella milanese (con Casaleggio che telecomanda la Raggi). Mazzillo, l’assessore cacciato ieri senza neanche una telefonata dalla Sindaca, era molto legato all’area romana, tanto che aveva criticato “gli assessori pendolari” e il concordato preventivo per Atac, al quale avrebbe preferito la ristrutturazione del debito.

Evidentemente, anche stavolta, il gruppo che fa capo a Casaleggio ha vinto. A Mazzillo è stato dato il ben servito in poche ore in modo poco educato: “Non ho ricevuto nessuna comunicazione – ha detto – non è così che si trattano le persone”.

mazzillo
Andrea Mazzillo

 

 

La guerra strisciante tra le anime dei 5stelle capitolini è, insomma, una delle cause della paralisi di questa amministrazione. Si procede con la sostituzione delle persone nella speranza che l’uomo della provvidenza porti quello slancio che fino ad oggi non si è visto. Ma il problema vero resta la mancanza di idee e di una strategia sul futuro della città, dall’urbanistica ai trasporti, dai rifiuti al decoro. Perché il concordato per Atac proposto da Rota non andava bene e quello che proporrà Lemmetti sarebbe una buona soluzione? Lemmetti ha la fama di essere un duro, uno di quelli che non si lascia influenzare dalla base. Per cui i mal di pancia dell’ala romana si faranno sempre più violenti e c’è da scommettere che presto su Atac e altri temi delicati si apriranno nuovi contrasti.

Inoltre, all’ex assessore livornese probabilmente andrà la delega alle partecipate che Massimo Colomban lascerà tra poche settimane. Lemmetti dunque diventerà un superassessore con una notevole capacità di influenzare le decisioni della giunta. E questa sua forza, paradossalmente, potrà essere la causa di nuove paralisi. Quegli stop and go ai quali ci ha abituato l’amministrazione Raggi, sempre più imballata come un vecchio motore diesel.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close