Bello il Sistema Unico di Segnalazione, se funzionasse

I più grandicelli ricorderanno un vecchio carosello il cui ritornello faceva: “Cimabue Cimabue, fai una cosa, ne sbagli due“.

 

E proprio Cimabue ci è tornato alla memoria mentre provavamo ad utilizzare il nuovissimo Sistema Unico di Segnalazione (SUS) presentato oggi con la solita prosopopea dal Sindaco e dall’assessore Marzano.

Dopo aver letto la notizia sul sito internet di Roma Capitale (sempre rigorosamente in versione “beta”, ossia di prova, da febbraio!?!) abbiamo subito voluto provare questo “strumento responsive“, siamo andati sulla pagina di accesso al servizio e siamo entrati con la nostra utenza.

Volendo segnalare una OSP abusiva abbiamo digitato “occup” nel primo campo e ci è apparsa la scelta che cercavamo (wow!):

 

 

Poi però volevamo scrivere la località nell’apposito campo ma è risultato inibito, costringendoci a selezionare il pulsante “Mappa”. E vabbè …

Peccato che andando sulla finestra della mappa abbiamo dovuto riscontrare un funzionamento anomalo, con molte strade non riconosciute dal campo di ricerca e le poche che lo sono mostrano una località amena dei tropici quando selezionate:

 

 

Armandoci di pazienza abbiamo selezionato direttamente sulla mappa l’indirizzo che volevamo segnalare e continuato la navigazione.

Terminato di riempire il form abbiamo selezionato il pulsante “Invia segnalazione” e dopo pochi secondi ci è apparsa la schermata che segue:

 

 

 

Per sicurezza abbiamo riprovato la procedura ma il risultato è stato lo stesso.

Non male come “strumento responsive” appena inaugurato eh?

Saremmo tanto curiosi di conoscere chi ha fatto i test di questo gioiellino di applicazione e non ci stupiremmo se fossero gli stessi che da febbraio mantengono in versione “beta” il sito internet ufficiale della capitale d’Italia.

 

Complimenti all’assessore Marzano per questo ennesimo salto quantico tecnologico che fa fare al portale di Roma Capitale e complimenti anche al Sindaco che evidentemente non deve aver avuto neanche la curiosità di provarlo lo “strumento responsive” che si accingeva a presentare.

 

A completamento della bella iniziativa abbiamo anche verificato che IoSegnalo è stato disattivato perché “integrato nel nuovo SIstema Unico di Segnalazione” (l’errore della maiuscola è proprio sulla pagina internet).

 

È o non è appropriato il carosello di Cimabue per un capolavoro del genere?

 

Pare che il Sindaco Raggi abbia detto queste parole durante la presentazione:

Ogni cittadino diventa sindaco: può prendere in carico le varie questioni del suo territorio.

Con uno strumento come il SUS in effetti possiamo divenire tutti come il Sindaco Raggi, bloccati sul nascere in ogni nostra iniziativa, con la città che può tranquillamente proseguire nel suo disfacimento.

 

P.s.: poco dopo le nostre prove abbiamo controllato la posta elettronica e vi abbiamo trovato due messaggi relativi alle segnalazioni da noi provate ed apparentemente fallite. Sembra quindi che l’applicazioni qualcosa faccia; in effetti selezionando “Le mie segnalazioni” dal menu compaiono le due inviate (peccato che siano una duplicazione, trattandosi dello stesso problema). Vedremo che fine faranno queste segnalazioni ma quel che è certo è che uno strumento tanto semplice e nuovo che presenta buchi così macroscopici è davvero indegno di una capitale europea.

 

Condividi:

4 risposte

  1. ho provato anch’io a segnalare e ho riscontrato le stesse difficoltà, le strade da cercare obbligatoriamente su mappa sono difficilmente localizzabili sopratutto per i civici, Inoltre non riesco dall’area riservata a modificare il mio indirizzo email che essendo cambiato non riceve le mail di conferma. Triste che l’ennesima cosa non funzioni e sia malfatta. NON NE USCIAMO da sto pantano!

  2. idem, invio segnalazione fallito con un PROXY ERROR, indirizzo sulla mappa non riconosciuto, segnalazione duplicata…. complimenti

  3. Il data 7.7.18 ho segnalato la sosta di alcune auto sullo spazio riservato ai Vigili del Fuoco. (zona rimozione) Appena ho visto la segnalazione chiusa con esito positivo sono andato a vedere e ho ritrovato lo spazio occupato sempre dalle stesse auto (di cui avevo annotato il nr.di targa). . Mi piacerebbe tanto sapere quali auto hanno rimosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »