Basta una sosta vietata per fermare l’autobus

filobus

 

Eccoli qua tutti più o meno sorridenti i vertici della mobilità romana, ad inaugurare i primi 15 filobus che dopo due anni passati in rimessa vengono messi in servizio (anche se i sindacati di ATAC parlano di “improvvisazione operativa”, affermando che le vetture sono a rischio sicurezza e dovranno viaggiare come normali autobus perché manca gran parte della linea elettrica, con enormi costi di gestione e manutenzione).

 

Noi non possiamo non mettere in relazione l’immagine di cui sopra con i tristi annunci che con cadenza quotidiana si leggono sul sito internet muoversiaroma.it e che informano di linee di trasporto pubblico deviate a causa di veicoli in sosta d’intralcio, spesso le stesse linee che ogni giorno vengono bloccate da qualche imbecille che parcheggia male la propria vettura.

deviazione

 

deviazione

 

Cosa ci sarà quindi da ridere se si è in qualche modo responsabili di un servizio pubblico che l’ultimo degli stupidi può bloccare semplicemente parcheggiando male la propria auto, per di più con la quasi certezza di non subire alcuna sanzione?

 

Non si vergogna Virginia Raggi ad essere Sindaco di una città che nel 2017 è costretta a deviare il percorso di un autobus per una banale sosta d’intralcio?

 

Non si vergogna Linda Meleo ad essere Assessore alla mobilità di una città che nel 2017 è costretta a deviare il percorso di un autobus per una banale sosta d’intralcio?

 

Non si vergogna Enrico Stefàno ad essere presidente della Commissione Mobilità di una città che nel 2017 è costretta a deviare il percorso di un autobus per una banale sosta d’intralcio?

 

Non si vergogna Manuel Fantasia ad essere amministratore unico di un’azienda di trasporti che nel 2017 è costretta a deviare il percorso di un autobus per una banale sosta d’intralcio?

 

Ebbene per noi dovrebbero tutti vergognarsi di farsi vedere in giro, ed ancor più di sfoggiare sorrisi fuori luogo, finché non riusciranno a trovare una soluzione per rimuovere prontamente qualsiasi veicolo che con la sua sosta intralci il transito dei mezzi pubblici.

E se non ci riescono in tempi brevissimi meglio farebbero a tornarsene tutti a casa!

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

  1. Invece prima stavamo meglio con sprechi e ruberie, che notizie idiote! Ora vi siete svegliati, prima occhi tappato e bocca muta.

    1. Parli per lei. Noi è dal lontano 2009 che ci danniamo l’anima pubblicamente per far risollevare questa città, senza riguardo per il colore del governo cittadino (al contrario di lei che, chiaramente, deve accontentarsi del nulla che sta mostrando l’attuale amministrazione).

      Guardi qui se non ci crede …

      http://www.bastacartelloni.it/

      … e si renda conto che nel suo caso evidentemente è meglio tenerla muta la bocca e ferma la tastiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close