San Camillo: scene “pulp” al reparto maternità

bambin gesu muri graffiti3

 

“Ingresso parenti”, recita questa scritta gentile circondata da una inaudita violenza verbale. Niente di poetico, nessun messaggio di speranza come qualche intellettuale da quattro soldi vuole far credere. Alcuni articoli hanno provato a difendere i graffiti  lasciati nei reparti maternità degli ospedali, ma le argomentazioni erano talmente deboli e risibili da non stare in piedi neanche il tempo della lettura del pezzo.

In realtà questo è vandalismo puro. Uno sfregio ai luoghi e alle persone che verranno dopo di noi. Una violenza che siamo costretti a subire.

Le immagini che vi mostriamo oggi sono del reparto maternità del San Camillo. Abbiamo chiesto ad un pediatra anziano che ha girato moltissimi di questi centri in tutti i continenti, se avesse visto qualcosa del genere. La risposta è stata un no secco. Neanche nel terzo mondo, nei paesi più poveri e disagiati le corsie sono ridotte così. E’ un fenomeno tutto romano, una specialità che nessuno ci invidia. Allora diamo un’occhiata alla “poesia” di queste scritte, all'”amore” che trasuda dalle parole incise sui muri.

bambin gesu muri graffiti6

 

bambin gesu muri graffiti7

bambin gesu muri graffiti

bambin gesu muri graffiti4

bambin gesu muri graffiti5

bambin gesu muri graffiti2

 

Dicono che i padri mentre attendono la nascita del figlio siano tesi e che questo sia un modo per sfogare la tensione. Ma se valesse questo principio allora tutte le scuole del mondo dovrebbero essere graffitate dagli studenti in attesa dell’esame. O tutti gli ospedali dovrebbero essere coperti di scritte anche nei reparti oncologici o chirurgici dove la tensione non manca di certo.

In realtà sono tutte scuse per lasciare libero sfogo alla bestialità che è in noi. Non essendoci più spazio sulle pareti o sulle porte in quest’ultima foto si vede che è stato coperto perfino il pavimento. Le regole igieniche che in un ospedale dovrebbero essere inappuntabili vanno a farsi benedire, così come il buon senso.

Un altro ospedale era ridotto in modo simile, il Grassi di Ostia. Ne parlammo su bastacartelloni.it alcuni anni fa assieme ad altre follie graffitare. Ma il direttore sanitario scatenò una guerra al vandalismo e riuscì a limitarlo. Ci auguriamo che anche il San Camillo non voglia rassegnarsi a tanta inciviltà. Perchè immaginare che i bambini crescano con dei genitori così mette i brividi.

 

Condividi:

6 risposte

  1. Mi sa che avete sbagliato qualcosa in questo articolo. Al Bambino Gesà non esiste il reparto maternità. Si curano i bambini, ma nati altrove. Curate meglio le vostre fonti.

    1. C’è stato purtroppo un errore di comprensione da parte nostra del quale chiediamo scusa. Abbiamo ricevuto queste foto da un dipendente del San Camillo che lavora anche presso il Bambin Gesù. Abbiamo parlato al telefono due volte con lui ed è nato un equivoco.
      Il medico anziano da noi interpellato è un collega del dipendente che ci ha inviato le foto ma mentre parlavamo con lui al telefono abbiamo commentato le foto ma non gli abbiamo domandato a quale reparto si riferissero. Si chiama “errore a catena “. Può succedere ma non dovrebbe succedere. Ad ogni modo abbiamo corretto l’articolo è modificato il lancio sui social

  2. Ragazzi, c’è un grosso errore. Quelle sono foto del reparto maternità dell’Ospedale San Camillo di Roma. Il Bambin Gesù è in condizioni eccellenti e non ha il reparto maternità.

  3. Ma a nessuno viene in mente di far ripulire coattivamente (non a caso) i muri e ripristinare il decoro di un ospedale pubblico, visto che il coattume si firma anche con data ed è facilmente individuabile?
    Già, ma chi osa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato. Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato.
Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Bcy85K98xA

È online il sondaggio per rilevare la soddisfazione degli utenti del Trasporto pubblico di Roma. Se nel corso del 2022 siete stati utenti anche solo occasionali non perdete la possibilità di dire la vostra! Richiede account Google ma è anonimo. forms.gle/L8yZWT7PD1bhhC… Retweeted by diarioromano

Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. twitter.com/diarioromano/s…

test Twitter Media - Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. https://t.co/YbdaqlepKk https://t.co/XjVAAFFjOK

Un salto nel passato dei trasporti grazie al modellismo. Una #mostra a Torre Maura I bus e i tram d'epoca, le storiche paline #Atac, auto della Polizia e caserme dei Pompieri, oltre agli immancabili treni. Evento organizzato da Vivitreno 👇📰 diarioromano.it/un-salto-nel-p…

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close