Anzitutto l’augurio di un sereno e prospero 2018 a chiunque oggi passi da questa pagina.

 

AlbaRoma
L’alba di un nuovo anno a Roma

 

 

In questo primo gennaio vogliamo inviare un augurio particolare di buon anno ed un ringraziamento a tutti coloro che nel generalizzato degrado in cui si dibatte la nostra amata città non fanno finta di niente, bensì reagiscono impegnandosi civilmente o sollecitando in vario modo le istituzioni o anche solo denunciando le storture in cui si imbattono.

 

Auguri speciali quindi anzitutto agli amici di RomaPulita, di Carteinregola, di RiprendiamociRoma, di Vasroma e di Romafaschifo (con cui non mancano a volte gli scazzi ma quando c’è passione autentica ciò è normale).

 

Ma auguri anche a @battaglia_persa, che instancabile tra le altre cose continua imperterrito a segnalare l’assurdità delle linee TPL deviate per la sosta selvaggia, a @Segnaliamoli, che non si rassegna alla baraccopoli di S. Lorenzo, a @Ulandrew, che riesce ad essere sempre misurato nei suoi tweet e non si stanca di sollecitare le istituzioni sui progetti per il Pigneto, a @Retake_Roma, che non demorde con i suoi interventi di ripulitura sul campo anche quando glieli vanificano il giorno dopo, e poi @aventinerome, @mcacciaglia64, BiciRoma, @GRAB_Roma, @Antincivili, @missNormaJane, @FalvoGianluca, Oscar Agata, Dan Genn e i tantissimi altri (che ci perdoneranno se non li abbiamo nominati) che danno voce al disagio romano in maniera disinteressata, costruttiva e mai per partito preso.

Per chi non ha portato il cervello all’ammasso infatti, a Roma non c’è nessun partito per cui tifare o da difendere acriticamente, bensì una città che dopo decenni di malgoverno continua a sprofondare nel degrado e dove l’unica speranza di riscossa è rappresentata dai cittadini che a questo degrado non si rassegnano.

 

E per dare maggiore autorevolezza a questo nostro augurio, ci richiamiamo al messaggio che Barack Obama ha inviato qualche giorno fa in vista del nuovo anno:

 

barackO

 

… get involved, get engaged and stand up.“, partecipate, impegnatevi e fate sentire la vostra voce, perché ognuno di noi può fare la differenza, dice l’ex-presidente Obama.

Grazie allora a chi lo sta già facendo e coraggio a quelli che seguono passivamente gli ormai tanti canali anti-degrado: alzate anche voi la vostra voce e date il vostro contributo affinché il 2018 possa essere finalmente l’anno del cambiamento a Roma.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »