Atac continua ad annaspare come aveva il previsto il Comune

Nonostante l'arrivo di 475 nuovi autobus, ogni giorno dalle rimesse ne esce un numero insufficiente. L'azienda non riesce a garantire un servizio decente

Da Agosto 2019 ad oggi sono arrivati a Roma 475 nuovi autobus. Ne erano previsti 650 ma sono solo in ritardo, arriveranno.

Sconcerta che con queste sostanziose premesse, il Comune nel 2019 abbia pianificato per il 2020 una RIDUZIONE dell’8% circa del servizio rispetto agli anni precedenti, e rispetto a quanto previsto da Contratto e Concordato. Per i tram il Comune ha addirittura ridotto il programmato del 15%, in barba agli obiettivi del Concordato, nonostante il numero di tram effettivamente disponibile non sia variato tra 2019 e 2020. Una specie di ammissione che gli obiettivi sono impossibili (ATAC infatti li ha già falliti nel 2018 e 2019, superfluo anticiparvi cosa accadrà nel 2020, nonostante abbondanti “bonus covid”).

Dai dati ufficiali diffusi da Agenzia per la Mobilità si vede chiaramente come, all’ingresso di centinaia di nuovi autobus, non corrisponda alcun incremento di mezzi usciti in servizio (a parte una piccola “increspatura” ad ottobre). Da settembre 2020 in poi, dopo la pausa estiva (in cui gira ovviamente un numero ridotto di mezzi), è tornato praticamente ad uscire dalle rimesse lo stesso numero di autobus di maggio 2020, quando il servizio è stato di poco inferiore a quello di maggio 2019, cioè quando non era ancora arrivato nessuno degli autobus nuovi.

Se ne può dedurre che il servizio bus continua tuttora a dicembre ad essere INSUFFICIENTE, e addirittura sotto al livello del 90% di quanto richiesto dal Concordato. Gli ultimi report pubblicati per ora da ATAC si fermano a settembre quando il servizio, parametrato agli anni precedenti, è stato solo dell’86,7%, con un miserrimo +0,4% (zero virgola nulla) rispetto Settembre 2019. Un risultato incredibilmente scarso, che conferma i timori (e i potenziali assembramenti).

 

Dai rilevamenti effettuati, ATAC dispone effettivamente di molti più autobus nelle rimesse rispetto al 2019, ma ne sta facendo uscire all’incirca sempre lo stesso insufficiente numero. In pratica, oltre alla rottamazione di centinaia di vecchi bus, devono esserci altri fattori peggiorativi non chiari, come per esempio un maggior numero di guasti (sui bus più vecchi), mancanza di personale (autisti / manutentori), tempi più lunghi in manutenzione (per controlli più accurati, ad esempio per evitare ulteriori flambus), etc., che impediscono di arrivare a mettere (e a mantenere) in strada almeno 1.500 mezzi la mattina, che sarebbe l’obiettivo minimo richiesto.

 

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Furti in metro: tira una brutta aria da giustizieri fai da te. Basterebbero presidi fissi.
Nel resto d’Europa agenti in borghese o divisa sono sempre sui treni. A #Roma invece siamo a ronde poco simpatiche. E col Giubileo la situazione peggiorerà.

Hiv: fino a domenica test senza prenotazione allo Spallanzani e in altri 5 centri.
Per l’European Testing Week ancora più facile sottoporsi a controlli. #Roma, con 5,2 diagnosi ogni 100mila abitanti, resta la città con maggiore incidenza.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »