Artista buono e artista cattivo uguali sono

Degli “artisti” che realizzano le loro opere utilizzando vernici spray acriliche ci siamo occupati più volte, qui l’ultima. Ricordiamo che l’uso di tali vernici è espressamente vietato dal regolamento sugli artisti di strada anche se nessuna forza dell’ordine, vigili in primis, risulta abbia mai applicato tale norma.

Visto che il problema continua ad essere del tutto ignorato, nonostante su via del Corso se ne contino fino ad otto di tali “artisti”, ed a costo di apparire ripetitivi, vogliamo mostrare come a Roma una cosa vietata ed una consentita pari sono.

Quella che segue è la foto di un “artista” con bombolette spray.

ArtistaCattivo

Questo è invece un altro artista, situato a pochi metri dal precedente, che ha riprodotto in terra un’opera di Vermeer (notare sullo sfondo l'”artista” con spray).

ArtistaBuono

Due espressioni artistiche trattate allo stesso modo, anche se una è vietata e l’altra consentita.

Ma se non c’è differenza tra il violare la legge e rispettarla, tanto più in un modo così plateale, perché mai cittadini e turisti dovrebbero curarsi delle norme esistenti?

Ha voglia il Sindaco a fare ordinanze e delibere di giunta se tanto poi rimangono tutte lettera morta.

Condividi:

2 risposte

  1. lo spray deve essere al acqua. e non deve occupare piu di un metro quadro..questa gente e del bangla e il suo permesso di soggiorno e maffiato corruzzionato per che il suo motivo di soggiorno e. lavoro subordinato,invece stanno li a spaccare il nostro mestiere e fare finta di essere artisti di strada,

    1. Tu vendi quadri fotocopiati, Da anni. Quando hai iniziato in Cile tanti tanti anni fa avevi già problemi coi tuoi colleghi. Non sei artista, ma bensi un venditore ambulante. è triste ma è cosi. Quindi non puntare il ditto contro i bangla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »