Circolano di nuovo voci sull’intenzione da parte dell’amministrazione di rifare il bando per la Festa della Befana di questo e del prossimo anno.

Per rifare il punto della situazione rimandiamo a questo post del maggio scorso in cui ne riassumevamo i termini.

festaNavona
La festa della Befana in piazza Navona nel 2014, con un numero ridottissimo di banchi

In sostanza quindi, e in assenza di un qualche intervento, per i prossimi due anni la festa non si terrebbe, non avendo gli operatori vincitori dell’ultimo bando ritirato i titoli (in polemica con l’amministrazione per la riduzione del numero dei banchi).

Riprendendo quindi le considerazioni finali del post già indicato,

Noi di questo non ne faremmo una tragedia, giacché per molti, troppi, anni la piazza è stata sfregiata con un mercatino di paccottiglia di infimo livello, e ben venga una pausa che ci restituisca piazza Navona in tutta la sua bellezza anche durante il periodo natalizio.

Pensiamo però che nel frattempo occorrerebbe predisporre un progetto ambizioso per la nuova festa della Befana, quella che si potrà in ogni caso far partire dal 2017 col nuovo bando. Perché non provare ad allestire un mercatino che coniughi la tradizione romana ma sia in grado di competere con quelli famosi del nord Italia o nord Europa? In fondo nessun’altra città può mettere in campo una quinta come piazza Navona e, benché forse lo stile barocco non sia il massimo per lo spirito natalizio, il tentativo andrebbe fatto di creare un allestimento originale e prestigioso.

Oltre all’aspetto della nuova festa, naturalmente andrebbero anche curati i prodotti offerti dalle postazioni, puntando alla qualità se non l’eccellenza nell’alimentare ed alla tradizione e artigianato locale per gli altri prodotti.

Tutto questo può e, secondo noi, deve essere fatto con l’obiettivo di applicarlo a partire dal nuovo bando previsto le 2017. Ed a pensarci bene non è che ci sia così tanto tempo, se si vogliono fare le cose per bene. Considerando infatti i tempi necessari agli operatori per la predisposizione degli eventuali nuovi banchi, probabilmente il nuovo bando dovrebbe essere pubblicato ad inizio 2017, il che vuol dire che c’è circa un anno e mezzo per prepararlo, un tempo congruo per poter ben operare.

Quello che andrebbe assolutamente evitato è una soluzione pastrocchiata che punti ad organizzare la solita festa paesana per i prossimi due anni, magari allo scopo di far rientrare gli operatori tradizionali che, pur vincitori del bando precedente, si sono autoesclusi con una sorta di “suicidio” che ha dell’inspiegabile.

Riuscirà il Municipio I, che ha la competenza completa su questi atti, ad approfittare dell’eccezionale opportunità che gli si è presentata?

Da quando scrivemmo queste cose sono passati quasi cinque mesi e nulla si è fatto per un nuovo bando che abbia le caratteristiche da noi suggerite. Peraltro tanto immobilismo ci ricorda quanto poco attrezzati siano gli uffici del Comune per gestire una cosa tanto delicata come un mercatino di qualità in piazza Navona, essendo loro invece avvezzi a trattare con un ambulantato di sempre più infimo livello (e basta vedere la qualità media delle bancarelle in giro per la città per rendersene conto). Sarebbe quindi il caso di passare prima per un concorso di idee che individui il tipo di manifestazione da organizzare su piazza Navona per la Befana e quindi procedere con il bando per l’individuazione dei soggetti che vi opereranno. Ma per fare queste due cose entro il 2017 siamo già in ritardo.

A puro titolo di esempio riportiamo una foto del mercatino di Natale che organizzano a Colonia. Si coglie la visione d’insieme e l’armonia del complesso delle strutture?

colonia

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Quanto ci metterà l'amm.ne a capire che a Roma i #monopattini non possono essere gestiti in questo modo? Marciapiedi già risicati vengono occupati da decine di mezzi. . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Quanto ci metterà l'https://t.co/qjcIhUWF4T a capire che a Roma i #monopattini non possono essere gestiti in questo modo? Marciapiedi già risicati vengono occupati da decine di mezzi.
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/B5KdGpJ7Ik

I capolavori di @AndreaCoiaM5S e @virginiaraggi. La Polizia Locale ha già fatto sapere che alle condizioni date è impossibile fare controlli. Mentre @beppe_grillo sul suo blog, in difesa della #Raggi, pubblica un articolo in cui i romani vengono definiti "gente de fogna"‼️👏

test Twitter Media - I capolavori di @AndreaCoiaM5S e @virginiaraggi.
La Polizia Locale ha già fatto sapere che alle condizioni date è impossibile fare controlli. Mentre @beppe_grillo sul suo blog, in difesa della #Raggi, pubblica un articolo in cui i romani vengono definiti "gente de fogna"‼️👏 https://t.co/ev38UmTrCH

Luigi Petroselli: un sogno chiamato #Roma❗ Un #documentario ripercorre la #storia di quello che per alcuni fu il miglior #Sindaco. L'unificazione tra centro e periferia. La rivoluzione #culturale, le prime pedonalizzazioni e l'Estate Romana. ▪️ 📰👇 diarioromano.it/luigi-petrosel…

La mancanza della minima manutenzione ai lecci di Trinità dei Monti costringe chiunque sopra al metro e mezzo a piegarsi per passare. . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - La mancanza della minima manutenzione ai lecci di Trinità dei Monti costringe chiunque sopra al metro e mezzo a piegarsi per passare.
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/gHJTZm9J05

Ma @ForbesItalia ce l’ha un inviato serio a Roma❓ Secondo @virginiaraggi #Roma è un modello per la #mobilità sostenibile e i servizi di #sharing. Modello sì, ma delle cose da non fare❗ ▪️ 👇📰 diarioromano.it/ma-forbes-ce-l… Retweeted by diarioromano

Ma @ForbesItalia ce l’ha un inviato serio a Roma❓ Secondo @virginiaraggi #Roma è un modello per la #mobilità sostenibile e i servizi di #sharing. Modello sì, ma delle cose da non fare❗ ▪️ 👇📰 diarioromano.it/ma-forbes-ce-l…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close