Ecco il primo Muro della Gentilezza a Roma. Un’iniziativa voluta dalla nostra Giovanna Iorio, collaboratrice di diarioromano e responsabile del dipartimento italiano presso la Marymount International School. Qui sotto le foto e il comunicato stampa, con la speranza che possa essere replicato in altre scuole della città e d’Italia. Diarioromano

 

muro della gentilezza

muro della gentilezza 2

muro della gentilezza 3

muro della gentilezza 4

 

Sabato 19 marzo gli studenti del liceo Marymount International School hanno realizzato un “Muro della Gentilezza” che è stato inaugurato alle ore 12:30 presso la sede di Ama Roma S.p.A. di Via Cassia, 1761.
 
Il progetto, che ha ottenuto il patrocinio del Municipio Roma XV, prende ispirazione dai “Muri della Gentilezza” sorti in Iran lo scorso anno e seguirà lo stesso principio: “Lascia quello che non ti serve, prendi quello che ti serve”, formula che è visibile sul murale che abbellisce il “muro”.
 
Dal 19 marzo e nel futuro, ognuno potrà appendere al muro abiti, cappotti e indumenti che non utilizza più, per donarli a qualcuno che ne ha bisogno.
 
Erano presenti all’inaugurazione anche i rappresentanti del Municipio XV che hanno creduto e aderito a questo progetto a sfondo sociale e civico, Marcello Ribera, Presidente della Commissione Ambiente del XV Municipio, e Daniele Torquati, Presidente del Municipio Roma XV, concordi ad assistere lo sviluppo di un progetto che dia la possibilità ai cittadini di mostrare “gentilezza” e responsabilità sociale nei confronti di una parte della comunità più disagiata. I bambini presenti all’inaugurazione hanno lasciato un’impronta sul “Muro della Gentilezza”, una piccola mano colorata per dire “ci siamo”. 
 
Com’è nata questa idea? Ogni anno gli studenti di letteratura italiana del primo liceo lavorano a un progetto che li porta fuori dai confini della scuola, per trovare collegamenti e correlazione tra quello che studiano durante l’anno, in questo caso il dolce stil novo e la parola gentilezza, e quello che li circonda. Giovanna Iorio, che dirige il dipartimento di Italiano presso la Marymount International School, ha accolto le riflessioni dei suoi studenti sull’emergenza sociale che l’Italia (e il mondo) sta vivendo, e da qui nasce l’idea di creare un “Muro della Gentilezza”: una risposta concreta al bisogno di gentilezza nel quotidiano, specialmente nei confronti di chi ha più necessità.
 
La settimana prima dell’inaugurazione, il 9 marzo, gli studenti del primo liceo della Marymount International School avevano organizzato un Bake Sale (vendita di torte e dolci) di raccolta fondi per acquistare  le vernici e altri materiali per dipingere il murale e creare il “Muro della Gentilezza”. La scelta del disegno per il murale è avvenuta con la partecipazione di Mario Damico, street artist e fondatore dell’associazione senza scopo di lucro “Pittori Anonimi Trullo”, il cui è intervenuto anche per assistere gli studenti nella creazione del murale il 19 marzo, e da un team di docenti.
 
“Ringraziamo la Marymount International School, e in particolare la professoressa Giovanna Iorio, per la bella iniziativa improntata sul sociale, e Ama Roma per la concessione della sede di Via Cassia – dichiarano Daniele Torquati, Presidente del Municipio Roma XV, e Marcello Ribera, Presidente Commissione Ambiente del Municipio Roma XV – Ringraziamo anche il Gruppo Scout Agesci Roma 2 che ha aderito all’iniziativa e che ha dato la propria disponibilità a prendersi cura  del “Muro” e mantenerne il decoro. Il “Muro” sorge in una zona particolare, sulla Via Francigena, ed è un bellissimo simbolo di solidarietà per i pellegrini in arrivo a Roma per il Giubileo della Misericordia.”

 

Per aggiornamenti sul progetto cliccare qui

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

I prestigiosi marciapiedi di piazza dell'Esquilino, davanti la basilica di S. Maria Maggiore. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - I prestigiosi marciapiedi di piazza dell'Esquilino, davanti la basilica di S. Maria Maggiore.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/3Nr5IRu90X

Improvvisazione amministrativa e sempre meno controllo del territorio stanno regalando nuovi spazi alla sosta selvaggia: ormai persi gli emicicli di piazza del Popolo. diarioromano.it/?p=41066

A gennaio @MercurioPsi l'aveva detto del fortissimo rischio di chiusura di entrambe le fermate che servono Policlinico e Università. Ma voi niente, dritti contro un muro. Qualcuno che voglia presentare scuse credibili o dignitose dimissioni tra @materia__prima e @virginiaraggi? twitter.com/MercurioPsi/st…

Villa Ada: un fantasma nella casa del guardiano. La denuncia dell'Osservatorio Sherwood: l'immobile doveva diventare Casa del Parco e invece è occupato. Stessa sorte per altri giardini di #Roma. #26settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/villa-ada-un-f…

Acea, col sindaco #Raggi, inaugura nuove luci su monumenti e palazzi ma non è in grado di garantire la normale illuminazione. Ad esempio la metà dei lampioni su ponte Regina Margherita sono spenti. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Acea, col sindaco #Raggi, inaugura nuove luci su monumenti e palazzi ma non è in grado di garantire la normale illuminazione. Ad esempio la metà dei lampioni su ponte Regina Margherita sono spenti.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/OEJnSops5R

Rigenerazione urbana❗ Inaugurato a #Roma il coworking space definito “la nuova Silicon Valley romana”, un progetto che pare inserirsi alla perfezione nella #stagione di cambiamenti dettati dalla #pandemia. #25settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/rigenerazione-… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close