Locandina Pineto

 

Ci sarebbe da scrivere un libro sull’impegno di questi cittadini che da anni lottano giorno e notte per difendere un pezzo di terra del quale nessuno si cura. E’ la parte migliore di Roma, un contrappasso in positivo. A tanto degrado si risponde con tanto impegno.

E così c’è Stefano che alle 6 del mattino passa a raccogliere i rifiuti abbandonati durante la notte. C’è Franco che si occupa delle aiuole; c’è Massimo che annaffia; c’è Rita che controlla e così via. Impossibile citarli tutti. Da alcune settimane sono stato inserito nel gruppo Whatsapp creato dai Volontari Decoro XIII° e ho potuto constatare non solo la dedizione e il tempo che ciascuno spende per la difesa del Parco del Pineto, ma soprattutto l’amore. Una serie di azioni disinteressate, dettate solo dal desiderio di vivere in una città migliore.

Fin dai tempi dei Decoro Day (ne furono organizzati quasi 20 in collaborazione con bastacartelloni) si capiva che in quel quadrante di Roma c’era fermento. Gente che non si arrende, che vuole combattere e non voltarsi dall’altra parte.

Nonostante il lavoro di questi anni e i tanti passi avanti (illuminazione, cestini sul lato di via Albergotti, convenzioni con il Municipio), il Pineto resta ancora un luogo diverso, come se fosse destinato a ospitare emarginazione e disagio. Il 29 marzo un uomo si impicca nell’area giochi del parco. Il 3 aprile una donna viene stuprata da un ubriaco armato di coltello (arrestato proprio ieri il presunto violentatore).

 

Uomo trovato morto Pineto
Il ritrovamento del cadavere dell’uomo

 

 

Episodi gravi che sono solo la parte visibile della lenta e inesorabile agonia di un’area verde. Perché gli stranieri che organizzano pic-nic nei fine settimana lasciando immondizia ovunque sono episodi meno visibili ma non meno gravi. Così come il personaggio che ritenendo gli uccelli una divinità superiore, lascia residui di cibo in ogni angolo, provocando una emergenza sanitaria (ce ne occupammo su bastacartelloni a fine 2014). Elementi di degrado che lanciano un segnale inequivocabile: quella è terra di nessuno. Lì si può fare di tutto.

 

 

 

 

E allora riecco il gruppo di combattenti, riuniti sotto la sigla di “Rete del Pineto”, scendere di nuovo in piazza per farsi sentire. Chiedono una recinzione adeguata, una sorveglianza maggiore, la presenza delle istituzioni. Perché va bene impegnarsi, ma se poi Campidoglio e Municipio non si danno da fare, ogni fatica è gettata al vento.

E allora andiamo tutti sabato 16 aprile, alle ore 10 alla manifestazione ABBRACCIAMOLO

Una catena umana cingerà simbolicamente l’area compresa tra via Albergotti e via Gioacchino Ventura.

Perché prima o poi qualcuno la racconterà la storia dei volontari romani all’epoca del degrado. Se ne parlerà in libri, documentari, pubblicazioni. E voi potrete dire: c’ero anche io!

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close