Londra chiama Roma – Storie e vita dalle due capitali

2 Commenti

Da qualche mese, la nostra Giovanna Iorio si è trasferita a Londra. Dalla capitale britannica prosegue la sua collaborazione con diarioromano, portando nuovi e interessanti spunti. icona180

 

giovanna iorio

 

 

Prima di tutto mi hanno sempre ingannato. Vivo a Londra da quasi sei mesi e, credetemi, non è affatto vero che piove sempre, che non c’è il sole, che è tutto grigio. Non c’è niente di peggio di un luogo comune per restare insensibili al fascino di una nuova città. E allora ho deciso di raccontare ai romani la mia Londra. Senza luoghi comuni e con il mio entusiasmo di nuova arrivata. La vecchia rubrica “Gente di Roma” si trasforma in una rubrica per conversare con la mia amata città eterna. In questa rubrica (che ha il nome di una canzone) “Londra chiama Roma”, vi racconterò quello che di bello vedo ogni giorno qui, senza dare troppo peso ai luoghi comuni (piove, gli inglesi sono freddi, si mangia male). Vi parlerò anche degli italiani (e soprattutto dei romani!) che qui sono numerosi e con cui mi capita spesso di scambiare due chiacchiere. Ci sono confronti continui che mi vengono in mente, vivere a Londra è un’esperienza molto diversa dal vivere a Roma. Però fare paragoni è un’attività odiosa e, in alcuni casi, controproducente. E infatti in questa rubrica troverete chiacchiere con i connazionali, curiosità e notizie incredibili che mi hanno colpita e che forse potranno ispirare anche voi romani.

londra

 

Dunque la prima notizia di “Londra chiama Roma” ha a che fare con il caffè. A Londra si beve tantissimo caffè (e non solo tè come avete imparato a scuola). A guardare il numero crescente di Caffè e locali della città il consumo della nostra bibita nazionale sta aumentando a ritmi incalzanti. Stringere tra le mani una tazza di caffè bollente, mentre si corre da una parte all’altra di Londra, è il conforto al quale non rinuncia quasi nessun londinese. Ma c’è di più. Potrei scrivere le solite cose, e cioè che “a confronto” di un caffè preso nel cuore di Roma, a piazza Sant’Eustachio con il cielo azzurro e le terrazze ricoperte di buganvillee, il cuore di un romano potrebbe sciogliersi di nostalgia. E allora non ci penso nemmeno a fare il confronto e vi racconto quello che qui, dallo scorso novembre, accade dopo che milioni di persone hanno bevuto il loro buono (a volte discreto….e anche sì pessimo) caffè. Una startup britannica di caffè bio, in collaborazione con la Shell e Argent Energy, ha creato un carburante con quel che resta del caffè dopo il suo utilizzo. Il carburante biologico a base di caffè ha già cominciato a dare la “carica” ai famosi autobus inglesi a due piani. Forse proprio ieri ne ho preso uno: l’autobus rosso, infatti, è arrivato puntuale e pimpante. Una gioiosa esperienza per tutti! E come potrebbe essere il contrario? Un bus che va a caffè è il sogno degli italiani a Londra!

Per oggi è tutto da Londra, gente di Roma. Al prossimo racconto (non confronto!) dal paese degli ombrelli (però ve lo dico…….non è vero che piove sempre…..ma questa è un’altra storia!).

 

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Anonimo

    Cara Giovanna,

    Sono un ragazzo romano rientrato in patria da solo 4 giorni dopo una permanenza di ben 5 anni a Londra.
    Fa piacere sentire che ci sia dell’entusiasmo verso quella citta’, ma sappi che 6 mesi non bastano a giudicarne neanche un quarto di essa. Specialmente se si parla del clima. Ad esempio questo anno ci ha graziati con molto sole e calore, ma cara mia, tu che sei li da cosi’ pochi mesi, come pensi di poter distruggere una realta’ come quella del clima pessimo inglese? E questo era solo un esempio.Ti consiglio di farti MINIMO un anno, prima di sputare sentenze sui luoghi comuni che, possa piacerti o no la cosa, sono fondati su dei fatti.
    Non pecchiamo di arroganza, ma soprattutto basta promuovere quel posto come un “paese delle meraviglie”, perche vi assicuro che c’e’ n’e’ anche fin troppo di marcio anche li.

    • Giovanna Iorio

      Caro Anonimo,
      Bentornato a Roma! Per quel che riguarda il clima, ho vissuto in Scozia e in Irlanda per diversi anni prima di Londra. Evidentemente ho visto di peggio!
      Quale parte del mio articolo ti è sembrata “arrogante” e quale punto ti è perso sputato di sentenze. Se mi suggerisci di scrivere il mio prossimo articolo fra sei mesi mi dispiace, credo di averne un altro pronto per la prossima settimana.
      Saluti da Londra,
      Giovanna

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Con l'approssimarsi delle elezioni torna di attualità il destino dell'ex ospedale S. Giacomo. Scontro Lombardi-Zing… twitter.com/i/web/status/9…

Altro poco commendevole esempio di come ATAC consideri gli utenti. La chiusura del parcheggio di via Chiana ed il p… twitter.com/i/web/status/9…

Considerato che è da gennaio/febbraio 2016 che lo sapevano anche i sassi che il M5S avrebbe vinto le elezioni, si p… twitter.com/i/web/status/9…

La baraccopoli di S. Lorenzo fu inserita nel Progetto di riqualificazione urbana nel 2006. Ma da allora solo… twitter.com/i/web/status/9…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.