Stazione Tiburtina: grandi potenzialità, ma solita sciatteria romana

La stazione Tiburtina, seconda stazione ferroviaria di Roma, potrebbe essere uno scalo moderno e prestigioso, se solo qualcuno si applicasse un po' di più a gestirla.

Ci è capitato di andare alla stazione Tiburtina  a prendere una persona che arrivava in treno e vogliamo riportare le impressioni contrastanti che abbiamo sperimentato.

 

Andando in automobile, abbiamo evitato il piazzale ovest, quello antistante la stazione, che sappiamo essere ancora un grosso cantiere.

Ci siamo diretti quindi dal lato opposto, proveniendo dalla tangenziale, e visto che aspettavamo un minore in arrivo col treno, eravamo intenzionati ad andare ad aspettarlo sul binario. L’idea era quindi di lasciare l’auto in un parcheggio, pensando di trovarne, seppur con le tariffe aumentate tipiche di stazioni ed aeroporti.

 

Arrivati al lato est della stazione il parcheggio l’abbiamo trovato, ma si presentava chiuso, così:

 

 

Non ci risulta al momento vi sia un altro parcheggio sul piazzale ovest, per cui si direbbe che sia indisponibile l’unico parcheggio integrato con la stazione. Ve ne sono altri di parcheggi a pagamento in zona, più o meno distanti dalla stazione, ma prima di cercarne uno abbiamo pensato di provare a parcheggiare l’auto su una delle strade di accesso.

Con una certa sorpresa abbiamo preso atto che sia su viale Altiero Spinelli che via Adelaide Aglietta vi sono molte aree di sosta tutte gratuite.

 

(P.s.: l’auto con lo sportello aperto appare abbandonata)

 

Centinaia di posti auto gratuiti a ridosso della seconda stazione ferroviaria di Roma sembrerebbero anomali, ma possiamo dire di averne approfittato. E comunque essi spiegherebbero il perché del parcheggio chiuso: chi mai pagherebbe per la sosta se ce n’è così tanta gratuita?

L’aspetto di queste strade è alquanto trasandato, con scarsa segnaletica e nessuna manutenzione del verde. Da notare che tutte le aree di carico/scarico attigue alla stazione sono occupate da veicoli privati apparentemente in sosta permanente.

 

 

 

L’interno della stazione si presenta abbastanza bene, benché con diversi spazi commerciali chiusi.

Tra questi ve n’è uno grande di spazio, indicato come “Casa delle Tecnologie Emergenti” e collegato a Roma Capitale, che appare chiuso da tempo, benché dovrebbe aver aperto ad inizio febbraio.

 

 

 

 

Infine abbiamo trovato molte scale mobili bloccate, non si capisce se perché rotte o in manutenzione, o per qualche regola collegata al COVID19.

 

 

 

 

 

 

 

È uno spettacolo alquanto desolante tutti questi cartelli di impianti chiusi, come se la stazione fosse a mezzo servizio.

 

Come scritto, la stazione Tiburtina è la seconda a Roma per importanza e traffico, dopo ovviamente la stazione Termini, e la nuova struttura, inaugurata nel 2011, è prestigiosa e dalle grandi potenzialità. Peccato però per le tante piccole cose che dovrebbero essere migliorate.

A Roma abbiamo un aeroporto, il Leonardo da Vinci, che per moltissimi versi è un modello di efficienza in grado di competere a livello internazionale. La stazione Tiburtina, anche perché di recente realizzazione, dà l’impressione di poter essere agli stressi alti livelli, se soltanto qualcuno ci si mettesse col giusto impegno.

La buttiamo là: e se si provasse ad affidare ad ADR (Aeroporti di Roma) anche la gestione delle stazioni?

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Bravo Emanuele, questa è un’ottima analisi di tipo ergonomico, nel senso che sperimenta il servizio e il contesto dal punto di vista dell’utente e rileva difficoltà e vantaggi in tutte le diverse fasi delll’attivita che si deve compiere. Voglio confrontarla con un seminario mobile e un piccolo studio fatto da una laureanda vari anni fa per vedere che cosa è cambiato nelle difficoltà evidenziate. Temo che di fondo ad aumentare le carenze vi sia una strategia contraria alla Stazione Tiburtina che si è fatto di tutto per non far decollare a cominciare dalla difesa del degrado esterno a est a ovest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close