L’unico piccolo logo che distingue un bus Atac da uno privato

 

A Roma ci sono 442 autobus che circolano con livrea e logo ATAC, pur non essendo in alcun modo riconducibili ad ATAC. Sono infatti di proprietà del consorzio privato RomaTPL, che dal 2010 gestisce 103 linee bus che circolano per le periferie di Roma (in fondo all’articolo l’elenco completo – potreste avere delle sorprese..).
RomaTPL si è aggiudicato l’appalto tramite gara, quale unico concorrente, e con un ribasso praticamente nullo dello 0,03% (immaginate di comprare un monolocale di 100.000 euro, chiedete uno sconto ed il proprietario vi “regala” 30 euro).

RomaTPL produce quasi il 30% dei km su gomma a Roma, detiene quindi una fetta importante del trasporto pubblico, eppure la sua presenza viene tenuta il più possibile nascosta agli utenti.

Il contratto con RomaTPL scadeva a Maggio 2018 ma è stato prorogato fino a ottobre 2019. Nel frattempo è stato pubblicato un nuovo bando che è stato stroncato dal Tar a causa dei numerosi errori. A prescindere dal destino del bando con grande sorpresa l’attuale Giunta della trasparenza ha mantenuto anche per il futuro gestore l’inspiegabile obbligo di utilizzare autobus con logo e livrea ATAC.

Secondo il Presidente e AD di Roma Servizi per la Mobilità “la motivazione è il sistema di bigliettazione. Siamo nel sistema metrebus, sul biglietto è indicato Atac. L’obiettivo è non creare confusione nell’utenza. Questa la scelta”.

In realtà fanno parte del consorzio Metrebus solo ATAC, Cotral e Trenitalia, mentre RomaTPL viene pagata al 100% dal Comune di Roma e non prende 1 solo centesimo dai biglietti. Inoltre Cotral, che fa parte del sistema Metrebus, ha una sua livrea distinguibilissima, inutile parlare di Trenitalia. Quindi così non si crea molta più confusione nell’utenza?

Qual è il motivo di tenere nascosto il gestore privato? Con il nuovo appalto, dal 2020 i gestori saranno addirittura 2, e continueranno a rimanere indistinguibili, per volontà dell’Amministrazione comunale. Come può un utente giudicare se è meglio un gestore piuttosto di un altro, o se è meglio il privato rispetto ad ATAC, se non è messo in condizioni di sapere chi sta gestendo il servizio? Già adesso numerosissimi sono i casi di utenti che si rivolgono erroneamente ad ATAC per avere informazioni su una linea che in realtà è gestita da RomaTPL. Non è questo un modo di ingannare gli utenti?

 

 

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. Quindi il referendum non era se volevamo aprire ai privati il servizio pubblico, ma se volevamo aumentare la partecipazione dei privati al servizio pubblico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB

"Con l'auto di SERVIZIO butta sacconi neri FUORI dai cassonetti"😱😤🤬 (ex?) coordinatore della piattaforma #roma5stelle 5⭐️ per la #Raggi.. #honestà! Retweeted by diarioromano

Dopo sette anni il restringimento di via Nairobi è sempre lì. L'intervento previsto per lo scorso aprile è stato annullato per sopravvenute complicazioni alla galleria dei sottoservizi e a settembre andrà trovata una nuova soluzione... 👇📰 diarioromano.it/dopo-sette-ann…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close