“Rifiuti zero” ancora al palo

1 Commento

Di una strategia “rifiuti zero” a Roma fino ad mesetto fa non ne parlava nessuno se non l’associazione “Zero Waste Lazio” ed il suo animatore Massimo Piras (con noi a cercare di rilanciare le sue proposte qui e qui).

In realtà una tale strategia era già stata codificata dalla precedente Assemblea Capitolina, con l’approvazione della delibera n. 129/2014 chiamata proprio “Roma verso rifiuti zero”.

Va detto che già l’allora assessore all’ambiente Estella Marino aveva dimostrato di essere la prima a crederci poco in un tale percorso, ma anche l’attuale amministrazione, pur essendo stata investita direttamente fin da subito dall’emergenza rifiuti a Roma, non aveva dato alcun segnale di voler adottare una strategia verso “rifiuti zero”.

 

Curiosamente il giorno dopo la pubblicazione del nostro secondo post sulla proposta “Rifiuti zero” si è tenuta una convocazione straordinaria dell’Assemblea Capitolina, proprio sul tema rifiuti, dove il Sindaco Raggi, a margine della difesa dell’operato dell’assessore Muraro, ha dichiarato che entro la fine dell’anno arriverà un progetto impiantistico funzionale al programma “verso rifiuti zero” del M5s.

Sarebbe interessante conoscere in cosa consista in dettaglio questo programma (abbiamo fatto qualche ricerca in rete ma senza trovare molto) e siamo rimasti stupiti nel rilevare che nel programma della candidata Virginia Raggi al punto sui rifiuti non è mai menzionata la formula “rifiuti zero”.

Sarà quindi un’elaborazione successiva ma il punto è ora capire quanta parte e come un tale programma possa già essere incluso nella delibera approvata dall’Assemblea Capitolina nel 2014. Stando alle dichiarazioni del sindaco pare si debba aspettare la fine dell’anno per conoscere questo progetto, anche se è dagli inizi del 2016 che anche i muri sapevano che il M5S avrebbe molto probabilmente vinto le elezioni a Roma, per cui arrivare preparati ad affrontare uno dei temi cittadini più caldi non sarebbe dovuta essere una cosa proprio difficilissima, ma tant’è … acconciamoci ad aspettare altri due o tre mesi per conoscere la strategia sui rifiuti del governo cittadino in carica.

 

Nel frattempo segnaliamo un banale episodio, occorso a chi scrive, che rende bene l’idea di quanto molta parte dei rifiuti che siamo costretti a raccogliere e trattare è generato in maniera inutile e sconsiderata.

Il sottoscritto l’altro giorno si è ritrovato i due opuscoli mostrati nella foto nella cassetta della posta.

 

mondocon

Si tratta del catalogo di una nota azienda di mobili, un centinaio di pagine per circa gr. 300 di carta, a cui chi scrive non è interessato affatto. Chi li distribuisce è interessato a piazzarne quanti più possibile per cui è ben felice di metterne più d’uno per cassetta.

Il risultato è che ciascuno si deve sbarazzare di una mezza chilata di carta, che sommata per il numero complessivo di copie distribuite faranno diverse tonnellate di rifiuto totalmente inutile che al meglio potranno essere avviate a riciclo.

È vero che problemi come questo dovrebbero essere risolti a livello nazionale, ma intanto che ciò non avvenga e per i mesi in cui dovremo rimanere in attesa del piano rifiuti del M5S, non sarebbe fuori luogo un’ordinanza del Sindaco che blocchi ogni diffusione non richiesta di materiale pubblicitario cartaceo. Chissà quante tonnellate di rifiuto cartaceo l’AMA si risparmierebbe di gestire con una tale semplice misura.

Articoli correlati

1 Commento

  1. Rifiuti: cosa si può fare |

    […] a ridurre in breve tempo la produzione di rifiuti (vietare le confezioni monouso degli hotel, o le pubblicazioni pubblicitarie non richieste) ma la cosa più stupefacente è che molte di queste sono elencate in quello che tre […]

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

@iencenelli @89mar_a @RiprendRoma @RomaPulita @diarioromano @campidoglioPD @ReteCivicaRoma1 @78alexb @Franz6081 Pure l'immancabile @Paolo__Ferrara co sta bufala a 5stelle. A Paolo, ma chi ve le prepara ste cavolate⁉️ Ma lo vedi che c'è lo 012 che non ci passa su Via G. da Galliate? E infatti non è manco Via G. da Galliate. Ve possino @M5SRoma.. Retweeted by diarioromano

Nella caporetto del verde romano non si salvano neanche le aiuole e palme di piazza di Spagna. Si direbbero i risultati anche del "lavorare indefessamente pancia a terra" di @daniele_diaco diarioromano.it/?p=36021

Video diario
  • Passaggio vietato ai disabili

    E se su questa strada ci volesse passare un disabile in carrozzina? Quello che si intravede in cima è il Campidoglio eh ... G.T.

  • Il cartello che si regge sui rifiuti

    Quest'officina di Largo Addis Abeba lascia un cartello abusivo sul marciapiede che si tiene con un secchio di rifiuti. Gran classe. B. T.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.