Pineto: l’area giochi pubblica nel degrado. Quella privata curatissima

Pineto giardino curato 2

Pineto giardino curato

Pineto giardino curato 3

 

Non siamo a Parigi e neppure a Vienna. Eppure il paesaggio sembra quello: prati puliti, erba rasata, aiuole ben tenute, arredi curati. Insomma quello che in Europa, in tutta Europa dal mare del Nord giù fino ai Balcani  è la norma per i parchi pubblici. Siamo invece al Parco del Pineto, esattamente in quella porzione delimitata dal curvone di via Montiglio, denominata Parco delle Mimose. In realtà il parco è lo stesso ma la gestione evidentemente no.  All’ingresso un cartello spiega che l’entrata è riservata ai soci, anche se devo dire che io i bambini ce li portavo tranquillamente a giocare.

Adesso diamo un’occhiata ad un altra area ludica: vegetazione incolta, arredi deturpati, sporcizia ovunque. Un luogo in cui anche i guerrieri del Bronx avrebbero delle remore a portarci i propri figli. Si tratta dell’area giochi a fianco della chiesa che fa angolo tra Via Montiglio e via della Pineta Sacchetti, sembra di essere in un altro continente ed invece ci siamo spostati solo di un centinaio di metri.

 

Pineto giardino degrado

Pineto giardino degrado 4

Ora pensiamo ad un bambino che gioca in un contesto del genere, ammesso che un genitore abbia lo stomaco di portarcelo, quale messaggio possa riceverne.

Io lo valuto più o meno così: tu bambino che usi il bene comune, il bene di tutti, sei un povero sfortunato e solamente se tuo papà è socio di qualcosa hai diritto a giocare in un bel parco.

Pineto giardino degrado 2

Pineto giardino degrado 3

Un messaggio tanto più umiliante quanto più si pensa che il verde pubblico curato è prassi ovunque, mentre queste situazioni di totale abbandono sono un qualcosa che fatica a trovare uguali altrove.

Si dice che tutto il mondo è paese, ma mi sembra sempre più evidente che noi siamo un paese a parte!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Stiamo perdendo anche Garbatella?
“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Inseguendo Lafuente, l’architetto che costruì il Moderno a Roma.
In anteprima per diarioromano, le fotografie dell’ultimo libro di Stefano Nicita su uno dei più interessanti progettisti del novecento.
@sfnnicita
👇

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »