Piazza Sempione: degrado e scritte sotto gli occhi del Municipio

Montesacro 135

 

Cosa fanno i politici per difendere la bellezza di Roma, al di là delle dichiarazioni dei rappresentanti municipali? E’ quanto ci eravamo chiesti nel precedente articolo. La domanda non è peregrina: ogni amministratore dovrebbe avere una visione su come valorizzare le potenzialità culturali e turistiche del territorio. Specie a Roma, dove ogni quartiere è uno scrigno di ricchezze e tesori abbandonati all’incuria ed esposti al vandalismo.

Pochi hanno la fortuna di amministrare un territorio così bello e ricco di luoghi d’interesse, com’è quello di Montesacro. Basti ricordare che la sede del municipio si trova in Piazza Sempione, sovrastata dalla Chiesa dei Santi Angeli Custodi, che fa da ingresso scenografico alla “Città Giardino Aniene” sorta negli anni ’30 sul modello delle garden city inglesi. Il complesso, progettato da un gruppo coordinato da Gustavo Giovannoni (lo stesso progettista della Garbatella) è unanimemente riconosciuto come uno dei capolavori del barocchetto romano, in cui vengono riproposti gli elementi tipici di questo stile: basamenti a bugnato, bassorilievi, fregi con motivi floreali e vegetali, mascheroni con creature fantastiche, mensole, riccioli e volute fogliate. Un’atmosfera d’armonia e bellezza resa bene dall’iscrizione su quest’edificio:

“DALLE CASE BEN FATTE E BEN TENUTE, ESCE COME DA GIOVANE SORGIVA UN SENSO DI FRESCHEZZA E DI SALUTE”

 

Montesacro 129

 

PURTROPPO, ANCHE QUI LE TRACCE DEI MODERNI BARBARI…

 

Montesacro 126

 

Quest’oasi di bellezza non è rimasta indenne dalla furia dei writers. Uno scempio che va avanti da anni, sotto gli occhi indifferenti di chi dovrebbe vigilare e invece non fa nulla.

 

Montesacro 128

 

Montesacro 127

 

TUTTI I PROSPETTI INTONACATI SONO DETURPATI DA TAGS E GRAFFITI

 

Montesacro 132

 

Strano che nessuno se ne sia accorto, visto che ci troviamo di fronte al bellissimo Palazzo civico dove c’è la sede del III°

 

Montesacro 136

 

Uno scenario di tale pregio e nobiltà dovrebbe inorgoglire i suoi abitanti, spingerli a prendersi cura del proprio luogo di lavoro. Ma a quanto pare, non è così, visto e considerato che minisindaci, assessori e consiglieri sfilano ogni giorno sotto al porticato sfregiato dalle scritte.

 

Aguzzate lo sguardo: la seconda porta a destra, è l’entrata del consiglio municipale.

Montesacro 133
Il porticato neomedievale disegnato da Innocenzo Sabbatini, ricoperto di scritte vandaliche

 

Montesacro 134

 

Non sono messe meglio le stradine d’accesso: questa è Via Monte Tesoro

 

Montesacro 137
Graffiti, adesivi abusivi e slogan antistato: povera Città Giardino!

 

Montesacro 138

 

Ma c’è una cosa che grida vendetta: lo scempio della facciata rivolta verso Via Gargano. Completamente imbrattata da tempo immemore, dobbiamo ammettere di esserci passati davanti più di una volta, sperando che qualcuno avesse potuto ripulire. Ma non è andata così, non resta quindi che intervenire di persona, segnalando alle autorità preposte le pareti imbrattate dai graffiti, e le innumerevoli situazioni di degrado che riguardano la Città Giardino. Con la speranza che i prestigiosi inquilini del municipio, se ne rendano finalmente conto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Tutto (tristemente) giusto.
    Ma non dimenticherei anche il verio e proprio scempio della piazza sempre e preennemente ricoperta di “Lamiere”, soprattutto proprio davanti alla sede del Municipio.
    Potrebbe esser un meraviglioso spazio pubblico all’aperto, ai margini del traffico caotico che attraversa per la piazza.
    e invece è un ammasso di macchine sempre parcheggiate (se non sbaglio anche con annesso parcheggiatore abusivo).
    negli anni, nessun presidente del Municipio ha mai avuto la lungimiranza e il coraggio di fare qualcosa per cambiare la situazione.
    eppure basterebbe un po’ di buona volontà, due paletti e poi magari una vera e propria riqualificazione della piazza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close