Operazione Tevere Pulito: e i graffiti?

La riqualificazione del Tevere è un tema che ci sta particolarmente a cuore. Si vedano, a titolo di esempio, i mumerosi articoli pubblicati sui nostri blog Degrado Marconi, Bastacartelloni e Diarioromano.

Si tratta di una sfida cruciale per rivitalizzare una parte importante del territorio. Missione complicata se non si affronta il tema del vandalismo grafico.

 

IMG_1926
Il rinascimentale Ponte Sisto

 

Siamo coscienti del frazionamento delle competenze coinvolte (comune, regione, soprintendenze, ministeri) così come sappiamo che al di là degli annunci (prima Veltroni, poi Alemanno, ed infine Ignazio ed Estella Marino), nulla è stato fatto dalle precedenti amministrazioni.

Si dà il caso che ponti e muraglioni sul Tevere siano tutelati dalle sovrintendenze comunali e statali. E che la pulizia degli argini spetti alla Regione Lazio, il cui presidente Nicola Zingaretti è voluto nuovamente intervenire sulla vicenda. Con l’ennesimo annuncio di risanamento che speriamo non si riveli la solita promessa non mantenuta.

Per il Tevere finalmente cambia tutto, abbiamo fatto una grande operazione per Roma.

Si chiude una stagione di gestione sbagliata, con interventi occasionali, non programmati e scarsamente finanziati.

Con oltre 2.1 milioni parte il bando per una gestione triennale per la pulizia, per quanto è di nostra competenza, degli argini del fiume”. 

 

Inizia così il comunicato del presidente Zingaretti, che pubblica sulla sua pagina Facebook la seguente foto:

 

Zingaretti

 

Una poetica e suggestiva veduta di Ponte Vittorio.

PECCATO CHE SIA RIDOTTO IN QUESTE CONDIZIONI

 

Set 007 Spectre 077

 

Set 007 Spectre 080

 

Zingaretti prosegue nel comunicato:

“La programmazione permetterà, finalmente, di avere una visione di valorizzazione del Tevere, più pulito e soprattutto permetterà ai tanti sportivi e turisti di godere delle meraviglie del fiume senza quelle brutte buste che, ad esempio, dopo le piene, compaiono sugli alberi.

Da un lato rincuora che Zingaretti accenni al problema dell’inquinamento visivo, dall’altro ci fa specie che noti le buste e non il degrado provocato dai graffiti vandalici che a noi piace chiamare “scritte abusive”. La solita “dimenticanza” o meglio, radicata e costante indifferenza verso le scritte abusive, sia che deturpino un luogo d’interesse monumentale, che un complesso di edilizia popolare e intensiva.

Nel caso dei ponti storici e dei muraglioni ottocenteschi, non si tiene conto della loro valenza storico-artistica e l’importanza che risiede nella tutela dell’uniformità cromatica, materica e percettiva delle infrastrutture fluviali. Tant’è che nel bando predisposto dalla Regione, manca proprio la cancellazione delle scritte “abusive”. Si parla di taglio ed estirpazione cespugli, monitoraggio continuo delle sponde e monitoraggio lungo il letto del fiume. Di contrasto ai graffiti vandalici, però, neanche l’ombra.

 

IMG_1919

 

Immag11785

 

Di questo clima di assuefazione e accettazione passiva dei graffiti, approfittano le bande di writers che acquistano sempre più visibilità (i due “sgorbi” qui sopra sono stati resi celebri e immortali dalle scene di “007-Spectre” e “Zoolander 2”). Abbiamo provato ad evidenziare queste criticità, con articoli, esposti e denunce, richiedendo il mantenimento del decoro delle aree ripulite dalla produzione di 007.

Il risultato? Mai un riscontro da parte delle istituzioni interpellate. E intanto senza controlli, Scalo de Pinedo è ricaduto nel degrado.

 

foto centro storico 318

 

Senza dimenticare le condizioni del tratto più famoso del Tevere, in corrispondenza di San Pietro.

 

foto centro storico 063

 

Quelle cornici fatiscenti le ha installate la Regione, e la Regione dovrebbe rimuoverle, dal momento che creano solo degrado. E quei graffiti, quelle scritte vandaliche e abusive? Beh, ci piacerebbe che a cancellarle fossero i soggetti che vinceranno un bando aggiuntivo per l’affidamento dei servizi di rimozione dei graffiti (oltre a quelli già emanati)

COSA NE PENSA IL PRESIDENTE ZINGARETTI?

Siamo certi che alla nostra richiesta si uniranno gli altri blog e associazioni antidegrado.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. E non avete fotografato nemmeno i graffiti più dolorosi da vedere e da tollerare, una vera ferita per me ogni volta che li vedo: quelli sulle arcate di ponte Cestio, che hanno 2000 anni!!

    Ok che non è competenza del sindaco. Ma una giunta seria avrebbe mandato l’AMA a pulire, prendendosi i meriti, spiegando la storia delle competenze ma comunque intervenendo nel nome della bellezza e del decoro, e facendo fare la giusta figuraccia alla Regione.
    Il sindaco se ne frega altamente anche lei invece.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Il campo tra l’Olimpica e il Centro Commerciale ospita 129 persone. Speriamo siano ricollocate in strutture adeguate e non sparse sul territorio. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Il campo tra l’Olimpica e il Centro Commerciale ospita 129 persone. Speriamo siano ricollocate in strutture adeguate e non sparse sul territorio.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/liDrib4FA5

Incredibile ma vero: Virginia #Raggi si ricandida a sindaco di #Roma, dopo 4 anni di disastri. Le sue possibilità sono praticamente nulle ma continuano a mancare sfidanti credibili. #11agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/incredibile-ma… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close