Nove mesi per rimuovere una pedana abbandonata

L'intervento del Municipio a passeggiata di Ripetta sollecitato da una associazione locale. Premiato l'impegno dell'assessore, ma non è con queste procedure e questi tempi che si può governare il territorio

Solo sabato scorso abbiamo parlato dell’enorme difficoltà, per non parlare di impossibilità, da parte dei municipi di gestire l’utilizzo del suolo pubblico.

In quell’articolo davamo infatti conto degli sforzi fatti dal Municipio I per rimuovere due pedane installate sulla carreggiata da esercizi commerciali e poi lì abbandonate, a causa della chiusura del locale o dell’illiceità dell’istallazione.

I casi riportati sono relativi a due manufatti, uno sito in Passeggiata di Ripetta e l’altro in via Stefano Porcari.

 

Ebbene il caso ha voluto che una delle due pedane, quella di Passeggiata di Ripetta, sia stata finalmente rimossa a cura del Municipio I.

 

Operai al lavoro per rimuovere la pedana di Passeggiata di Ripetta

 

Il locale che aveva istallato la pedana ha chiuso diversi anni fa, prima della pandemia, ma chiaramente né il Municipio, né la Polizia Locale avevano mai pensato di procedere a rimuovere un manufatto ormai inutile.

La segnalazione è stata fatta da una locale associazione a gennaio di quest’anno ed è stata subito presa in carico dall’assessore al commercio del Municipio I, Jacopo Scatà. Purtroppo a causa di procedure barocche, della cronica carenza di personale negli uffici municipali e della necessità di reperire i fondi necessari alla rimozione, ci sono voluti circa nove mesi per arrivare alla rimozione.

All’assessore Scatà va riconosciuto il merito di averci messo tutto l’impegno e la costanza necessari per giungere al risultato, ma chiaramente non sono queste le condizioni possibili per poter gestire un territorio che, solo in materia di occupazioni di suolo pubblico, ha visto la realizzazione di diverse migliaia di nuovi arredi esterni causa COVID, la stragrande maggioranza dei quali non ha passato alcuna verifica ed è in forte odore di illiceità.

 

 

L’immagine sopra mostra il tratto di Passeggiata di Ripetta liberato dal manufatto. Non che sia più bello con le auto parcheggiate, ma non ha senso che spazio pubblico sia sottratto alla normale fruizione di tutti senza motivo. In questo caso l’auspicio è che il locale possa riaprire e riallestire uno spazio esterno, della qual cosa si gioverebbe una strada al limite della desolazione come Passeggiata di Ripetta.

 

La possibilità di intervenire sulle situazioni illecite in tema di OSP, soprattutto quelle che mettono a rischio la sicurezza della circolazione di pedoni e veicoli, con la necessaria tempestività dovrebbe essere affrontata con urgenza da parte dell’assessore Lucarelli; in realtà la cosa avrebbe dovuto essere già in campo da tempo, visto che il problema dell’esplosione delle OSP abusive lo si poteva conoscere fin da quando è stata varata la normativa emergenziale, nel 2020.

 

L’occasione per riformare la normativa in materia di OSP è data dal nuovo regolamento a cui il Dipartimento commercio starebbe lavorando da tempo e che dovrebbe essere approvato dall’Assemblea Capitolina prima della scadenza dell’ultima proroga dell’emergenza COVID, ossia entro questo dicembre.

Purtroppo l’assenza di segnali o anticipazioni sulla normativa in via di approvazione non fanno ben sperare, avendo anche l’attuale giunta mostrato una grande vicinanza alle rappresentanze del commercio e una totale sordità alle richieste degli altri cittadini.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

A costo di fare la figura delle mosche cocchiere, si direbbe che il sindaco ci legga. Se però la pianta organica dei vigili prevede 8350 unità e oggi sono 5600, a Piantedosi ne deve chiedere 3000 di nuovi agenti, non 1000. E deve cambiare il comandante! tgcom24.mediaset.it/politica/roma-… twitter.com/diarioromano/s…

Il #FascismoStradale mortifica e umilia il cittadino ma in realtà dovrebbe far vergognare l'amministratore. Roma, Monteverde AD2023 #ZeroVision Retweeted by diarioromano

I cassoni scarrabili “apportano un impatto positivo sul decoro urbano” (dal nuovo piano industriale di #AMA) e quindi ne verranno installati altri 100 in giro per Roma. Sui rifiuti grandi progressi, a passo di gambero. @Sabrinalfonsi @gualtierieurope twitter.com/GiuseppeRoma97…

ZERO monitoraggio GPS per i #bus in periferia, non li potete vedere sulle app ANCORA e ANCORA e ANCORA.. (sono le linee in tabella) @QuinziUgo #ATAC #RomaTPL #RomaMobilita @eugenio_patane @moovit_it Retweeted by diarioromano

Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura. Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura.
Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/IRM2HZpeVZ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close