L’ultima tappa del Tour de France: viaggio nello splendore urbanistico di Parigi

ultima tappa

Se ne avete la possibilità, collegatevi immediatamente con la Rai per seguire l’ultima tappa del tour de France, la Sèvres – Grand Paris – Champs Elysées. Anche se non siete appassionati di ciclismo, provate a vivere per qualche ora nell’incanto paesaggistico e architettonico della Ile-de-France, la regione metropolitana di Parigi, tra meravigliose campagne, villaggi ben tenuti, strade e viali disegnati alla perfezione e costruiti a regola d’arte, periferie curate e decorose. E una volta entrati a Parigi, la meraviglia e l’efficacia del disegno urbanistico, l’eleganza e la maestosità delle grandi direttrici viarie, la raffinatezza degli edifici pubblici e privati, la cura e la bellezza degli spazi urbani.

ultima tappa 2

Il tutto senza macchine in sosta vietata, bancarelle di ciarpame ad ogni angolo, pareti coperte da manifesti elettorali e graffiti vandalici. Viali alberati senza macchine sugli spartitraffico, corsie preferenziali rispettate, arredo urbano elegante e ben tenuto, cartellonistica pubblicitaria razionale ed omogenea – senza paline orologio, parapedonali storti ed impianti arruginiti che pubblicizzano officine e negozi di vicinato! -, la grazia e il buon gusto dell’edilizia residenziale: che spettacolo quelle palazzine liberty coi tetti spioventi in ghisa e i pittoreschi comignoli, e più in generale il panorama della città, stupendo senza la foresta di antenne televisive che opprime Roma. Zero antenne sui tetti, zero scritte vandaliche, zero affissioni abusive, zero sosta selvaggia, pochissime bancarelle di formato ridotto. Un altro mondo, quello civile, progredito, europeo, che ama vivere in ordine e armonia, senza bruttezza e prevaricazione. Indice dell’alto spessore civico, politico e culturale di cittadini e istituzioni. Un popolo, quello francese, che ama vivere in luoghi belli e accoglienti, rispettando il prossimo. Qualcosa di sconosciuto a Roma, dove il contratto sociale è fondato sulla reciproca indifferenza e la complicità-benevolenza verso i comportamenti incivili. Guardate la tappa del Tour de France, immergetevi per un attimo nella civiltà in cui tutti vorremo vivere.

Condividi:

Una risposta

  1. Ma se Parigi e’ STRAPIENA di graffiti! Ma ci sei mai stato a Parigi? Guarda che e’ lercia e degradata come Roma (se non di piu’).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3

LONDRA E ROMA. DUE MONDI OPPOSTI NEL RAPPORTO CON TPL E GRANDI EVENTI... La prima città sposta i grandi eventi se il TPL non funziona appieno. La seconda chiude il TPL per far posto ai grandi eventi. Leggi tutto qui: facebook.com/21020638609080… #famostemetro #coldplay #wembleystadium Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close