L’incendio di Rocca Cencia ha responsabili precisi

Fino allo scorso dicembre Roma aveva due impianti per il trattamento dei rifiuti indifferenziati: uno al Salario e l’altro a Rocca Cencia.

Entrambi gli impianti lavoravano a pieno ritmo e garantivano la gestione dei rifiuti indifferenziati della città, che poi è in sostanza la loro pre-lavorazione per poi essere spediti in giro per la regione e l’Italia.

Già al tempo però la situazione era critica, in quanto un qualsiasi problema ad uno dei due impianti avrebbe richiesto soluzioni di emergenza. In una tale situazione una gestione accorta avrebbe preservato i due impianti in maniera ferrea, ad esempio predisponendo controlli e precauzioni per evitare incidenti catastrofici.

Invece a metà dicembre dello scorso anno scoppia un devastante incendio nell’impianto del Salario che lo mette definitivamente fuori uso.

Dopo un primo momento di panico, l’amministrazione capitolina riesce a trovare una serie di alternative per i rifiuti indifferenziati, spedendoli in altre regioni. Sembra anzi che alla fine per il Campidoglio ci sia stato un vantaggio dall’incendio, riuscendo le nuove alternative a gestire una quantità maggiore di rifiuti rispetto all’impianto bruciato.

 

Una volta perso uno dei due impianti di trattamento dei rifiuti indifferenziati, ci si sarebbe aspettati che quello rimanente venisse preservato in tutti i modi, rimanendo l’unica alternativa in città.

Ed invece ecco cosa scrivevano gli amici di Riprendiamoci Roma a fine febbraio:

 

 

Da ciò risulta chiaro che l’amministrazione non si è minimamente preoccupata di proteggere l’impianto di Rocca Cencia da possibili incidenti, casuali o dolosi, ma lo ha continuato a gestire “alla romana”.

Come ci si può stupire o rammaricare per l’incidente occorso se non si è fatto nulla per prevenirlo?

Ha dichiarato il Sindaco Raggi dopo l’incendio:

Non ho elementi. Se questo è un attacco e non un incidente chi lo ha fatto deve sapere che non ci fermiamo“.

 

La verità è che per la città non fa molta differenza tra un attacco ed un incidente: rimane il fatto che l’unico impianto di trattamento dei rifiuti indifferenziati a Roma ha subito gravi danni che ne pregiudicano l’utilizzo, almento parzialmente.

Si può essere così irresponsabili? Giustamente a seguito dell’incendio quelli di Riprendiamoci Roma hanno potuto sottolineare che loro l’avevano detto.

 

 

 

Peccato che parlare con l’attuale amministrazione capitolina è come farlo col muro.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Meglio i tavolini o le auto? A Roma abbiamo tutti e 2.
In via Ripetta, come in tante altre strade, la sosta regolare è stata sostituita da dehors. Giusto o sbagliato che sia, perché vengono tollerate auto in doppia fila, spesso degli avventori dei locali?

Rendere balneabile il laghetto dell’Eur. Pro e contro del progetto.
Entro 5 anni si potrà fare il bagno e prendere il sole. Costo 8 milioni a carico di Eur spa. E se questi fondi fossero destinati a completare l’Acquario?

Municipio XIII. A via Cardinal Pacca c’è il progetto per questo #blackpoint ⤵️

Pedoni pugnalati alle spalle, zero visibilità, velocità.

Ma il progetto non interviene proprio sul punto critico, nonostante decine di collisioni negli anni.

Noi diciamo che va cambiato il progetto

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria