I bus aggiuntivi Covid non sono più attivi dal 30 luglio ma Roma Servizi per la Mobilità proseguiva a darli in servizio anche in agosto. Le informazioni sul TPL romano restano confuse e incostanti

Uno dei grossi problemi ad inizio pandemia era come garantire il distanziamento sui mezzi pubblici, in particolare a Roma dove già il servizio ATAC era carente. A Maggio 2020 partì quindi un servizio di supporto con linee speciali “S” appaltato da ASTRAL a privati con pullman Gran Turismo, arrivando fino all’impiego di 143 mezzi, ma con continue rimodulazioni e modifiche delle linee, diminuzioni e sospensioni del servizio a causa dello scarso utilizzo. Un incredibile fallimento costato fiumi di milioni di euro ai contribuenti, come evidenziato da diversi articoli di stampa fin dall’inizio.

 

“Tra i motivi dello scarso utilizzo delle linee “S” c’è la configurazione dei percorsi disegnati da Roma Servizi per la Mobilità, la scarsa comunicazione fatta, e la scarsa riconoscibilità dei mezzi”.

 

Il servizio nel 2022 è comunque proseguito. Dal 21 febbraio i pullman sono passati da 143 su 15 linee, a soli 28 su 2 linee, per poi rimanere solo 12 pullman dal 4 luglio, per via della riduzione estiva. Il servizio è infine terminato il 30 luglio.

 

Ma per l’intero mese di agosto, l’account Twitter ufficiale di Roma Servizi per la Mobilità ha continuato a riportare ogni giorno queste 12 vetture come se fossero attive ed in servizio. Un clamoroso errore che dimostra il livello di attenzione alla comunicazione ai cittadini, ma anche il livello di conoscenza della mobilità pubblica, e di affidabilità dei dati pubblicati.

 

Nessuna menzione invece da parte di Roma Mobilità ai disservizi che gli utenti subiscono alle fermate per quanto riguarda la posizione GPS degli autobus ATAC e RomaTPL che salta in continuazione, lasciandoli senza sapere se e quando passeranno gli autobus. Nessun avviso quando salta il monitoraggio, salvo rarissime eccezioni. Nessuna comunicazione in merito alle percentuali di mezzi non monitorati perché con GPS guasto (che in teoria Roma Mobilità dovrebbe conoscere). Informazioni preziose per gli utenti, ma ignorate.

 

Per non parlare dell’atteggiamento intimidatorio verso i cittadini che utilizzano gli “open data” di Roma Mobilità stessa, per cercare di arrangiarsi come possono nel capire la reale situazione del trasporto pubblico e dell’affollamento dei mezzi:

“Atac e Roma Servizi per la Mobilità si riservano di intraprendere qualsiasi azione a tutela delle aziende e del personale in caso di utilizzo improprio dei dati”

Un atteggiamento in controtendenza col resto del mondo delle smartcity, dove l’iniziativa e i suggerimenti dei cittadini sono invece incoraggiati dall’Amministrazione.

 

Questa delle linee S attive “spiritualmente” nei post di Roma Mobilità è solo l’ultima di una lunga serie di defaillance. L’auspicio è che prima o poi si decida a cambiare qualcosa.

 

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati. In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati.

In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/U4uu20fkiI

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close