Lavori fatti bene: per ridisegnare una pista ciclabile si mettono in pericolo i cittadini

A Piazzale delle Belle Arti sono state recise le radici di un albero, compromettendone la sua già precaria stabilità

Lungo il marciapiede del Piazzale delle Belle Arti a seguito di un intervento di riqualificazione, a quanto pare per disegnare la nuova pista ciclabile, le radici di un albero sono state recise definitivamente dagli operatori con l’ausilio di un trapano a percussione. L’albero, infatti, da anni iniziò a pendere esternamente verso la carreggiata e la crescita delle sue radici avevano divelto parte del marciapiede, rendendo così pericoloso il transito delle bici e dei pedoni.

 

Quello che lascia però perplessi è la soluzione adottata dalla ditta che ha curato l’intervento, in quanto per velocizzare la realizzazione della pista non si è messo in sicurezza l’albero, la cui stabilità, già precaria, dipendeva dalle radici recise. Come si può notare dalla foto sottostante, la porzione rimossa dagli operatori è considerevole.

Il danno causato è stato segnalato dall’Associazione nazionale tutela ambiente (Anta), che si occupa delle vicine aiuole del lungotevere Arnaldo da Brescia. Come è stato, poi, riportato dal Comitato Don Minzoni, la mancanza di stabilità sarà certificata dagli agronomi che saranno costretti a decretarne l’abbattimento. In questo caso, però, non parliamo né di un albero malato né di un albero a fine vita.

L’abbattimento di una pianta in salute, danneggiata dalla non curanza della stessa amministrazione, è inaccettabile in una città che già combatte da tempo per la sopravvivenza dei propri alberi. Inoltre, questo intervento invasivo si pone nettamente in contrasto con il nuovo Regolamento del Verde e del paesaggio approvato da poche settimane.

Il Comitato Don Minzoni invierà, per questo, all’assessorato all’Ambiente del II Municipio la richiesta di accesso agli atti per capire come sia stato possibile mettere a repentaglio la stabilità di un albero per far spazio ad una pista ciclabile e innescare nello stesso tempo un elemento di pericolo, considerando che a pochi metri di distanza vi è un semaforo e molte automobili potrebbero sostare proprio sotto quell’albero che non gode più della sua solida base di appoggio.

Qualcuno potrà sbandierare delle foto sui social con la fatidica frase #lavorifattibene, mostreranno nuove piste ciclabili e nuovi marciapiedi, oppure se l’albero cadrà (speriamo mai) verrà fatto il solito post con le giustificazioni di alberi vecchi e malati. Invece, in questa circostanza è giusto ricordare che le cose sono andate diversamente, del tipo, come dice Virginia Raggi: #sapevatelo!


Foto: Sandra Naggar – Comitato Don Minzoni

Condividi:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino.
Nuova iniziativa dei residenti, sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Come sta messa la (non più) nuova Fiera di Roma?
Uno dei tanti percorsi pedonali dell’area della Fiera di Roma interrotto da una vegetazione fuori controllo. L’ennesima declinazione di una città allo sbando.
#fotodelgiorno

Tra sparate del ministro Urso e inerzia del Comune prosegue indisturbato “tavolino selvaggio”.
Ancora una volta Governo e Comune sembrano giocare al gatto col topo, salvo operare entrambi per mantenere il caos su strade e piazze di Roma.

Sabato 18 maggio è la Notte dei Musei.
Apertura straordinaria al pubblico dalle ore 20.00 alle 2.00 dei Musei Civici e di molti spazi culturali. Per tutti i dettagli seguire il link al post.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »