La produzione di rifiuti delle strutture ricettive, ci pensa qualcuno a Roma?

La trasmissione "4 hotel" quest'anno premia le scelte eco-sostenibili degli albergatori. Nessuno che pensi all'impatto sulla produzione rifiuti che potrebbero avere misure coordinate in tutta Roma?

Sono passati circa sei anni da quando parlammo di una misura semplice ma significativa per ridurre la produzione di rifiuti negli alberghi.

 

 

L’immagine la prendemmo in un albergo del nord Europa e ci sembrò un’idea da replicare subito in una città come Roma, caratterizzata da flussi turistici consistenti, e quindi da numerosissime strutture di accoglienza, e da una cronica difficoltà a gestire i rifiuti.

 

La scritta dice qualcosa tipo: “Questo distributore riciclabile sostituisce 150.000 bottigliette di plastica all’anno, solo per questo hotel”.

Più di qualcuno alla vista di questi distributori storce la bocca, preferendo le piccole confezioni di saponi, soprattutto quelle che le migliori catene di hotel si sforzano di rendere sempre più sofisticate ed attraenti.

Se però proviamo ad immaginare che 150.000 bottigliette di plastica corrispondono a svariati metri cubi e qualche centinaio di tonnellate di spazzatura già la preferenza per le piccole confezioni dovrebbe subire un primo colpo. Se inoltre moltiplichiamo un tale cumulo di rifiuti per tutte le strutture ricettive presenti a Roma, B&B abusivi inclusi, ci dovremmo rendere conto quanto sia assurdo che ogni giorno si continuino a far produrre tanti rifiuti inutili.

 

Purtroppo finora nessuna delle amministrazioni che si sono succedute hanno ritenuto di adottare qualche provvedimento che obbligasse o anche solo incentivasse le strutture ricettive a non utilizzare confezioni monouso.

Ovviamente una tale misura non risolverebbe il problema rifiuti a Roma, ma darebbe un contributo non insignificante alla riduzione nella produzione di rifiuti, oltre a dimostrare che in Campidoglio non si sta con le mani in mano ad aspettare che una magia, o un termovalorizzatore, i rifiuti lì faccia sparire.

 

Torniamo a parlare di questo argomento dopo aver visto che la nuova serie di “4 hotel”, l’intrattenimento televisivo condotto dallo chef Bruno Barbieri, quest’anno dedica un’attenzione particolare alle pratiche sostenibili adottate dagli albergatori, con un focus speciale sulla riduzione nell’uso della plastica.

Ha senso aprire un frigobar e trovare i bicchieri di plastica racchiusi in una bustina? No. Ci affacciamo dalla finestra per guardare paesaggi meravigliosi, senza pensare quanta plastica finirà in mare. Non è più possibile. Anche gli alberghi devono fare la loro parte per l’ambiente“, dice Barbieri.

 

Uno dei modi più efficaci per ridurre l’uso della plastica è proprio vietare o fortemente disincentivare le confezioni monouso dei detergenti, ma evidentemente a Roma non c’è nessuno che sia interessato a ridurre la produzione dei rifiuti.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »