La funivia Potemkin: i tanti difetti del collegamento tra Battistini e Casalotti che piace solo ai 5Stelle

 

La progettazione della funivia Battistini-Casalotti prosegue: le stazioni da 4 sono ora diventate 7, i costi da meno di 90 Milioni sono già diventati 110 Milioni.

Ma il progetto continua a non convincere. La velocità commerciale è bassa, solo 13 Km/h, più bassa della maggior parte delle linee bus che passano nel quadrante (come possiamo vedere dalla tabella ufficiale di Agenzia per la Mobilità), ed impiega quasi 18 minuti a percorrere i 3,8 km di percorso.

 

La bassa velocità non è il solo problema. Prendiamo la linea bus che impiega più tempo da Casalotti a Battistini, la 146 (la linea 916 è poco più lenta ma fa un percorso più breve): che percorre 5,2 Km in circa 28 minuti. Impiega 10 minuti in più ma con una grandissima differenza: fa ben 18 fermate e passa all’interno dei caseggiati.

Le 7 stazioni della funivia invece si troveranno per lo più ai limiti delle zone abitate, come si può vedere dal tracciato (linee fucsia e gialla).

 

 

Quel tempo che impiega in più il 146 è quindi ampiamente compensato dal fatto che molti si trovano la fermata vicino casa, mentre chi prenderà la funivia dovrà percorrere un tratto anche significativo per raggiungere una delle stazioni.

Sia al bus che alla funivia vanno aggiunti i tempi per arrivare e scendere nella stazione della MetroA (la funivia è a più di 200mt di distanza), circa +5 minuti.

Altro nodo cruciale: la portata massima di 3.600 passeggeri l’ora, in cabine da 10 posti l’una ogni 10 secondi. Chi vive a Battistini o in periferia sa bene che il grosso degli spostamenti avviene in una fascia oraria ristrettissima, dalle 7:15 alle 8:30 circa (già nel pomeriggio il rientro è più distribuito). In quell’arco di tempo a Battistini MetroA si riversano centinaia di passeggeri scesi da autobus pienissimi, basta che l’attesa si prolunghi a 6 minuti e la Metro parte già quasi piena (il treno ha una capienza di 1.200 posti).
Ipotizzando che solo la metà dei passeggeri provenga dai quadranti Casalotti e Torrevecchia (interessati dalla funivia), possiamo calcolare quasi 100 passeggeri al minuto, ovvero 6.000 passeggeri l’ora come picco in ora di punta. Cioè quasi il doppio di quelli che può trasportare la funivia.

Concludendo: la funivia è lenta e relativamente lontana dagli abitati, verrebbe usata solo da un sottoinsieme di chi già usa i mezzi pubblici, cioè da chi si ritroverà le stazioni vicino casa.

Nell’ora di punta mattutina potrebbe rivelarsi insufficiente, mentre per il resto della giornata sarà sovradimensionata, senza possibilità di diminuire il numero di cabine. In caso di avverse condizioni meteo (come il vento forte) resterà ferma.

Il progetto inoltre ha un impatto visivo: verranno impiantati 41 piloni con un’altezza compresa tra 15 e 36 metri, e ci saranno 200 cabine appese.

Lo stesso tracciato da Casalotti a Battistini sarebbe percorso in meno di 8 minuti col prolungamento della MetroA. Tutto sotto terra. Con un grande parcheggio a capolinea. Senza dover scendere da un mezzo e salire su un altro, cioè senza rotture di carico. #FamoSteMetro

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo quasi un anno di mandato e praticamente nessun passo avanti (i blackpoint sono pochi e a venire) ormai @gualtierieurope è pienamente responsabile della strage stradale a Roma. E se non l'avesse chiaro, il primo indispensabile passo è rivoluzionare @PLRomaCapitale twitter.com/trecarte/statu…

Basta ai #monopattini sui marciapiedi. Lime si affida alla tecnologia per limitare gli abusi. Abbiamo provato in anteprima i mezzi dotati di telecamera: il sistema rallenta il monopattino e una voce invita a tornare sulla strada... 👇📰 diarioromano.it/basta-ai-monop…

Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma. Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ma allora i parapedonali si possono mettere anche a Roma.

Intorno a Palazzo Margherita, sede dell’ambasciata degli Stati Uniti, vi sono i pochi marciapiedi con parapedonali di Roma. Perché solo esigenze di sicurezza li rendono possibili?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/NyBwmqnIF8

Toh...nessun agente della @PLRomaCapitale si era accorto che l'impianto pubblicitario di Campo de Fiori sparava musica a palla senza autorizzazione. Strano eh? Gent. @gualtierieurope, nel grande evento in preparazione ci dica cosa vuole farne dei vigili, ché così sono inutili! twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close