La discutibile nomina di De Sclavis per gestire la viabilità in vista del Giubileo

Qualche dubbio sul nome del vice comandante indicato, per un'ambigua risposta data al giornalista di Report e possibili limitazioni alla sua operatività

La notizia l’abbiamo letta su La Repubblica, dove spiegano che il Campidoglio ha pensato di dedicare un vice comandante della Polizia Locale al coordinamento della viabilità cittadina, considerati i tantissimi cantieri che cominceranno ad essere aperti per i lavori realtivi al Giubileo (e non solo).

 

Nulla quaestio sull’opportunità di una tale nomina, pur mantenendo basse aspettative sui risultati, considerando la normale (in)efficacia dimostrata quotidianamente dal corpo di Polizia Locale di Roma nella gestione del traffico cittadino.

 

Più di un dubbio ci permettiamo però di sollevarlo sulla persona nominata per tale ruolo, il comandante Mario De Sclavis.

 

Due sono gli elementi che ci fanno apparire la nomina discutibile e che sarebbe bene venissero chiariti per poter dare un mandato pieno al comandante De Sclavis.

 

Anzitutto a noi è rimasto il dubbio dell’incongruenza tra la risposta data dal comandante De Sclavis al giornalista di Report riguardo chi avesse fondato una certa società di riprese cinematografiche e le risultanze emerse presso la camera di commercio.

Come si può verificare nell’estratto della puntata di Report del 23 novembre 2020, il giornalista chiede al comandante De Sclavis se fosse stato lui a fondare la Roma Media Service e la risposta è che la società è stata fondata dal figlio. Subito dopo però nel servizio si dà conto delle visure fatte presso la Camera di Commercio che smentiscono la versione del comandante.

A noi non risulta che ci sia stato un chiarimento riguardo una tale incongruenza e se mai fosse avvenuto saremmo grati a chi volesse segnalarcelo. In assenza di ciò, e pur essendo passati quasi tre anni da quel servizio di Report, a noi appare grave che un comandante della Polizia Locale di Roma affermi una cosa non vera e si faccia finta di niente, tanto che continuano ad essergli assegnati compiti importanti.

 

L’altro elemento che ci fa ritenere inopportuna la nomina di De Sclavis è il possibile conflitto di interessi a cui potrebbe essere soggetto nel caso la sua attività entrasse in contatto con quella dei propri figli.

Come egli stesso ha affermato nella stessa puntata di Report, c’è effettivamente un potenziale conflitto di interessi, ma lui ritiene di superarlo astenendosi da tutte le procedure e tutti gli atti che possano riguardare la società di cui i suoi figli sono titolari.

Una spiegazione che appare accettabile ma che fa intravedere dei possibili impedimenti per il comandante nel caso in cui il suo ufficio si trovasse a gestire richieste della Roma Media Service (ad esempio autorizzazioni per riprese cinematografiche che in qualche modo devono coordinarsi con opere relative alla viabilità).

Detto in termini diversi, possibile non ci fossero altri candidati per un compito tanto delicato che non presentassero la limitazione denunciata dal De Sclavis?

 

Ci chiediamo se il sindaco Gualtieri sia a conoscenza di questi elementi e li giudichi irrilevanti oppure se ne sia del tutto all’oscuro e non faccia che affidarsi ai suoi collaboratori, in questo caso probabilmente al comandante generale della Polizia Locale Ugo Angeloni.

Entrambi i casi ci preoccupano non poco, perché il risultato è che nella Polizia Locale di Roma continuano a valere le stesse dinamiche di sempre, in base alle quali non è importante l’efficacia dell’azione del corpo ma solo il perpetrarsi dei centri di potere interno, sempre le stesse persone che ruotano tra gli incarichi senza che si intraveda un minimo miglioramento.

 

Come abbiamo scritto, noi riteniamo utile ed importante la figura individuata dal sindaco per gestire la viabilità con i tanti cantieri che a breve partiranno in città, ma proprio per questo pensiamo che sia sbagliato assegnarla a chi non possa assumere un mandato pieno per pregresse ambiguità ed attuali potenziali conflitti di interesse.

 

Condividi:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Come previsto, per Capocotta ancora niente bandi assegnati. E siamo a maggio.
La denuncia di Andrea Bozzi: sulla Litoranea non ci saranno i Vigili Urbani e perfino i bus Atac. Un caos totale che rischia di danneggiare le dune e i cittadini.

A Tarquinia si fa una vera differenziata con isole ecologiche in tutta la città.
Per gettare i rifiuti serve una tessera personale che permette di pagare meno Tari. Impossibile il rovistaggio. Eppure siamo a pochi km da Roma.
#fotodelgiorno

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino.
Nuova iniziativa dei residenti, sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Come sta messa la (non più) nuova Fiera di Roma?
Uno dei tanti percorsi pedonali dell’area della Fiera di Roma interrotto da una vegetazione fuori controllo. L’ennesima declinazione di una città allo sbando.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »