Un po' di numeri sul servizio di TPL a Roma a novembre, tra mezzi affollati, domanda e offerta di picco sfasate e scarsa ecosostenibilità

Per tutto il mese di novembre abbiamo svolto un’attività di monitoraggio sulla rete del trasporto pubblico di Roma, grazie ad un apposito programma liberamente scaricabile qui.

Sotto controllo 310 linee ATAC (bus, filobus, tram) e 103 linee bus Roma TPL, per un totale di circa 820mila corse registrate in maniera quasi continuativa in 30 giorni e 18 milioni di dati raccolti. Fuori dall’analisi altre 11 linee date in subappalto, perché prive di sistema trasmissione dati AVM/GPS.

 

 

In tutto ATAC ha messo su strada 1.694 bus, 30 filobus, 69 tram. Per Roma TPL sono stati visti in servizio 342 bus, con un probabile ulteriore 10% non monitorabile (GPS indisponibile).

Le corse ATAC sono state il 76% del totale. Di queste, il 61% ha trasmesso anche dati sull’affollamento a bordo, indicato su 4 livelli:

  • Vuoto
  • Molti posti disponibili
  • Solo posti in piedi
  • Al completo

 

Il 18% dei bus è risultato senza passeggeri a bordo, mentre in media il 24% è risultato affollato (“solo posti in piedi”), con la percentuale sopra il 50% negli orari di punta. Solo uno 0,4% ha trasmesso il dato di “completamente pieno”, con un picco anomalo dell’1,7% sulla linea 590, quella che fa lo stesso percorso della Metro A.

 

Esclusi sabato, festivi, sciopero e giorni con problemi al monitoraggio, è stata fatta una media del servizio e dell’affollamento registrato in 18 giorni lavorativi, che ha evidenziato le solite criticità già rilevate in passato:

  • il picco di spostamenti degli utenti si verifica tra le 7:30 e le 8:00 (curva rossa nel grafico sotto), mentre il servizio ATAC raggiunge il massimo tra le 8 fino alle 9 (curva blu). Le uscite dei bus dalle rimesse la mattina andrebbero quindi anticipate di almeno mezz’ora;
  • ad ora di uscita scuole si verifica un crollo del servizio ed un conseguente picco di autobus affollati verso le 14.

 

 

Per quanto riguarda l’ecosostenibilità, a causa della sospensione per lavori di 3 linee tram su 6 totali, e della limitazione di una 4ª, è diminuito il numero di corse a zero emissioni, mentre è aumentato l’impiego di autobus Diesel, inclusi i vecchi bus Diesel Euro3, dei quali ATAC ha ancora in servizio oltre 220 esemplari.

 

 

Concludiamo con la classifica delle linee ATAC più affollate (sono escluse le 103 linee RomaTPL in periferia, che non trasmettono dati a riguardo).

Sono all’incirca sempre le stesse, con qualche piccola variazione: le linee notturne, di cui avevamo parlato, restano problematiche ma escono da quelle più critiche, per diversi motivi: sulla linea nMA ad esempio si è registrato un sensibile aumento di corse, mentre su altre linee come la nMB potrebbe essersi ridotto il numero di passeggeri per i continui disservizi su quella direttrice. Restano critiche le linee “F” delle domeniche e festivi.

Tra le linee più disagiate ci sono quelle delle navette sostitutive delle linee tram sospese, che assorbono anche un enorme numero di corse, sottraendole alle linee normali. La linea 8BUS ad esempio, quella con più corse in assoluto di tutta Roma (fino a 600 al giorno con l’impiego di 26 bus), batte di ben il +67% la “famigerata” linea 64, al secondo posto per numero di corse.

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. Come sempre grazie a Mercurio viaggiatore che ci fornisce dati su cui ragionare.
    In estrema sintesi, mi permetto:ATAC fa l’esatto opposto di un normale imprenditore: invece di fare coincidere il picco di domanda con la propria offerta, in modo da massimizzare le entrate, le disaccoppia evidentemente intenzionale o almeno colposamente, tanto il parametro “affollamento e disagio utente” non rientra tra quelli per stabilire i criteri di remunerazione del servizio.
    Quando vedremo un cambio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

A costo di fare la figura delle mosche cocchiere, si direbbe che il sindaco ci legga. Se però la pianta organica dei vigili prevede 8350 unità e oggi sono 5600, a Piantedosi ne deve chiedere 3000 di nuovi agenti, non 1000. E deve cambiare il comandante! tgcom24.mediaset.it/politica/roma-… twitter.com/diarioromano/s…

Il #FascismoStradale mortifica e umilia il cittadino ma in realtà dovrebbe far vergognare l'amministratore. Roma, Monteverde AD2023 #ZeroVision Retweeted by diarioromano

I cassoni scarrabili “apportano un impatto positivo sul decoro urbano” (dal nuovo piano industriale di #AMA) e quindi ne verranno installati altri 100 in giro per Roma. Sui rifiuti grandi progressi, a passo di gambero. @Sabrinalfonsi @gualtierieurope twitter.com/GiuseppeRoma97…

ZERO monitoraggio GPS per i #bus in periferia, non li potete vedere sulle app ANCORA e ANCORA e ANCORA.. (sono le linee in tabella) @QuinziUgo #ATAC #RomaTPL #RomaMobilita @eugenio_patane @moovit_it Retweeted by diarioromano

Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura. Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura.
Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/IRM2HZpeVZ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close