Il presidente dell’Assemblea Capitolina è ancora a processo, ma è uscito dal M5S

Per Marcello De Vito il M5S ha fatto troppe "capriole ideologiche" e lui non ci vuole più stare. Mantiene però la presidenza nonostante il rinvio a giudizio

Marcello De Vito, esponente storico del M5S a Roma, primo candidato sindaco per il movimento nel 2013 nonché attuale presidente dell’Assemblea Capitolina, è uscito dal M5S.

Ne ha dato lui stesso notizia con un post sulla sua pagina facebook, adducendo come motivazione il suo non sentire più alcun senso di appartenenza al M5S.

Nel suo post De Vito fa l’elenco di quelle che chiama le “capriole ideologiche“, ossia i tanti casi in cui il M5S è passato da una posizione ferma al suo esatto opposto senza mai sentire la necessità di motivare la piroetta: l’alleanza col PD, fino all’ultimo esclusa categoricamente da tutto il M5S e poi realizzata col governo Conte2, lo smantellamento di due totem come il divieto di alleanze e il vincolo dei due mandati, il continuo stallo dell’organizzazione interna al movimento, le faide tra Conte e la Casaleggio Associati.

 

L’uscita dal M5S è stata già formalizzata, scrive De Vito, mentre quella dal gruppo consiliare avverrà a breve, circostanza questa che porta il M5S a non avere più la maggioranza in Assemblea Capitolina. Includendo anche la sindaca Raggi, sono infatti 24 i consiglieri M5S rimasti, compresi i 4 che sono spesso in dissenso dal gruppo e si astengono nelle votazioni. 24 consiglieri di maggioranza contro 25 delle opposizioni, per un totale di 49 consiglieri in totale.

Si complica quindi la situazione per la sindaca Raggi che faticherà non poco a far approvare i provvedimenti dall’Assemblea Capitolina.

 

Era da tempo comunque che il presidente De Vito manifestava posizioni in contrasto con quelle del suo gruppo, con gli ultimi due casi che hanno riguardato la richiesta di aprire le ZTL e il sostegno al rinnovo delle licenze per gli ambulanti. Riguardo quest’ultima, ricordiamo con molto disappunto la celebrazione che De Vito volle fare della definitiva esclusione degli ambulanti dall’applicazione della direttiva Bolkestein.

Tali posizioni, unite al riferimento ironico sull’essere ormai il M5S nel campo progressista (buon campo progressista a tutti voi“) fanno pensare che De Vito potrebbe trovare velocemente una collocazione nel campo del centrodestra, avendo egli chiarito, sempre nell’ultimo post, che il suo impegno politico prosegue.

 

È una cosa buona che finalmente si faccia chiarezza sulla collocazione del presidente dell’Assemblea Capitolina, avendo egli mantenuto fin dal suo arresto, nel marzo 2019, una posizione ambigua.

A seguito di quell’arresto infatti una dichiarazione avventata del ministro Di Maio fece pensare ad un’immediata espulsione di De Vito dal M5S, cosa che però non è mai avvenuta. Così dichiarò a caldo il ministro Di Maio appena saputo dell’arresto di De Vito:

 

Marcello De Vito è fuori dal MoVimento 5 Stelle. Mi assumo io la responsabilità di questa decisione, come capo politico, e l’ho già comunicata ai probiviri.

Quanto emerge in queste ore oltre ad essere grave è vergognoso, moralmente basso e rappresenta un insulto a ognuno di noi, a ogni portavoce del MoVimento nelle istituzioni, ad ogni attivista che si fa il mazzo ogni giorno per questo progetto. Non è una questione di garantismo o giustizialismo, è una questione di responsabilità politica e morale è evidente che anche solo essere arrivati a questo, essersi presumibilmente avvicinati a certe dinamiche, per un eletto del MoVimento, è inaccettabile. De Vito non lo caccio io, lo caccia la nostra anima, lo cacciano i nostri principi morali, i nostri anticorpi.

Ciò che ha sempre distinto il MoVimento dagli altri partiti è la reazione di fronte a casi del genere. De Vito potrà e dovrà infatti difendersi in ogni sede, nelle forme previste dalla legge, ma lo farà lontano dal MoVimento 5 Stelle“.

 

In realtà l’espulsione di De Vito non è mai avvenuta ed è lo stesso presidente a chiarirlo nel suo ultimo post laddove scrive:
A breve formalizzerò la mia uscita dal gruppo consiliare, come ho fatto con il MoVimento 5 Stelle, volontariamente e non da espulso.

 

“… volontariamente e non da espulso” vuol dire che fino a ieri De Vito era parte integrante del M5S e in quanto tale rappresentava da una parte il movimento più giustizialista e forcaiolo che si sia mai visto in Italia, ma dall’altra era egli stesso a processo per corruzione nell’ambito del progetto per il nuovo stadio della Roma.
Un presidente di Assemblea Capitolina che mantiene la sua carica pur essendo rinviato a giudizio era cosa mai vista a Roma e si è dovuto aspettare il governo M5S per assistere ad una tale assurdità.

 

A noi non è mai andata giù la decisione di De Vito di non dimettersi dalla sua carica e a più riprese ne abbiamo ricordato la vergogna.
Ci saremmo aspettati che la sindaca Raggi facesse qualcosa per evitare un’onta del genere alla massima assemblea rappresentativa di Roma, ma evidentemente l’interesse di bottega anche per il M5S è molto più forte dell’eventuale rispetto che si dovrebbe riconoscere alle istituzioni cittadine.

 

Sarebbe stato senz’altro auspicabile che De Vito si dimettesse dalla presidenza, anziché dal M5S, ma ciascuno risponde alla propria coscienza oltre che alla città.

 

Staremo a vedere se e come si modificheranno le dinamiche in Assemblea Capitolina, benché immaginiamo che ciò non influirà molto nella campagna elettorale che Virginia Raggi sta portando avanti a suon di asfaltature di strade, aperture di parchi gioco e sfalci di ettari ed ettari di parco.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per chi sia interessato al Municipio II, segnaliamo l’interessante incontro organizzato per oggi da @carteinregola twitter.com/carteinregola/…

Perché ponte Lanciani non è più transitabile a piedi? Dopo la segnalazione di questa mattina, è la volta di Luca che ci scrive da via Lanciani: da 3 anni chiusi i collegamenti pedonali. Pubblichiamo una segnalazione ricevuta qualche giorno fa... 👇📰 diarioromano.it/perche-ponte-l…

Balduina, via le erbacce dopo la #pubblicazione della denuncia su diarioromano Piccolo #risultato grazie alla segnalazione di un lettore. Ma il #problema del diserbo resta gravissimo. Richiesta di intervento anche per il parco di via Proba Petronia. 👇📰 diarioromano.it/balduina-via-l…

L’ultima settimana dì campagna elettorale si apre con un tris imbarazzante dì stazioni metro chiuse, come a voler ricordare agli elettori a cosa si va incontro confermando la sindaca uscente (eppure pare ce ne sia dì gente che voglia questo!?!) twitter.com/mercuriopsi/st…

La bella idea di chiudere per metà via Nazionale. Buonsenso avrebbe suggerito di fare i lavori in estate, ma vuoi mettere moltiplicare i cantieri durante le elezioni? Via Nazionale bloccata con tempi di attesa biblici anche per i bus. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La bella idea di chiudere per metà via Nazionale.

Buonsenso avrebbe suggerito di fare i lavori in estate, ma vuoi mettere moltiplicare i cantieri durante le elezioni? Via Nazionale bloccata con tempi di attesa biblici anche per i bus.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/nGNKFrEDUg
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close