Il mistero dei filobus abbandonati a Tor Pagnotta

Il contratto di manutenzione è scaduto a maggio e mai rinnovato. 45 mezzi marciscono in deposito. E pare che Atac avesse previsto il flop un anno prima

Ordinati nel 2009 dal Comune, consegnati nel 2015, immatricolati nel primo semestre 2016 e rimasti chiusi nel deposito di Tor Pagnotta fino a fine marzo 2017, quando i primi 15 dei 45 filobus modello Breda Menarini iniziarono timidamente a fare servizio, tra polemiche e continui guasti (un giorno ben 13 KO su 15 usciti su strada).

I 45 filobus Breda furono inizialmente impiegati sulle linee 90 e 60, andandosi ad aggiungere ai 30 filobus modello Trollino che già circolavano dal 2005 su quelle stesse linee. Erano però destinati al “Corridoio della Mobilità” sulla Laurentina, che fu pronto solo 2 anni dopo, l’8 luglio 2019. Dopo l’avvio della nuova linea 74 il servizio filobus ebbe un incremento mensile medio del 35% rispetto al 2018. Nel 2020 arriva purtroppo la pandemia, ma soprattutto nel mese di maggio scade il contratto di manutenzione per i Breda. Un po’ alla volta tutti i 45 filobus Breda abbassano le aste e tornano a marcire in deposito (a luglio e agosto spariranno anche i Trollino).

 

Si scopre che il contratto di manutenzione per i Breda era esternalizzato (i manutentori ATAC non possono metterci mano), e stipulato tramite Roma Metropolitane, in liquidazione. Si parlava di pieno ripristino entro Novembre grazie ad un contratto “ponte”, ma ad oggi non è ancora riapparso 1 solo filobus Breda (mentre da Settembre hanno ripreso lentamente a circolare i Trollino).

Ma c’è un fatto molto curioso. Da contratto il Comune deve decidere entro il 31 Ottobre (2019) la quantità di servizio da richiedere ad ATAC per l’anno successivo (2020).

 

 

Dai Report ufficiali pubblicati da ATAC sul suo sito, si evince che il Comune nel 2019 programmò UN CROLLO DEL SERVIZIO a partire proprio da maggio 2020, mese di scadenza del contratto di manutenzione per i 45 Breda. Questa previsione di crollo del servizio si protrae almeno fino a settembre 2020 (ultimi dati per ora disponibili). Cosa significa? Sapevano già nel 2019 che il contratto sarebbe scaduto e non ne sarebbe stato avviato uno nuovo nel 2020? Quando riprenderà dunque il servizio?

 

 

 

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. Ma se non vi servono questi mezzi e se non per qualche motivo volete utilizzarli, allora perché non gli vendete o donate a una città (italiana o europea) che ha bisogno e che utilizzerà i filobus e si prenderà cura di loro??! Perché sto vergognoso spreco?? Privo di qualsiasi logica e buonsenso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

“Camminata critica” al Pigneto del Movimento @Diritti_Pedoni
Un percorso di cittadinanza attiva in cui sono state analizzate con residenti, professionisti e realtà locali, le criticità per chi cammina e suggerito proposte di miglioramento concrete.

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Furti in metro: tira una brutta aria da giustizieri fai da te. Basterebbero presidi fissi.
Nel resto d’Europa agenti in borghese o divisa sono sempre sui treni. A #Roma invece siamo a ronde poco simpatiche. E col Giubileo la situazione peggiorerà.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria