I cittadini manifestano contro la proroga delle OSP-COVID senza COVID

Manifestazione nazionale sabato 18 novembre alle 11:30 a piazza Mastai. Adesioni da tutta Italia (Napoli, Catania, Lucca, Firenze, Modena, Foligno, ecc.)

Dell’assurda proroga del regime emergenziale per le OSP, con l’emergenza ormai finita da tempo, abbiamo già parlato, sottolineando come una tale misura miri solo a favorire in modo ingiustificato una categoria (bar e ristoranti), prorogando il caos su strade e marciapiedi.

 

Le conseguenze nefaste di un tale provvedimento sono state colte anzitutto dai cittadini che più avvertono la pressione del far west creato dalle OSP emergenziali, ossia gli abitanti dei centri storici e delle zone dove ci sono le concentrazioni dei locali di somministrazione, ma non solo di Roma, bensì da molte parti del territorio nazionale.

La preoccupazione è stata tale che associazioni cittadine di Roma, Napoli, Firenze, Catania, Foligno, Caserta, Gubbio, Foligno, Carpi, Modena, Angri e La Maddalena (le adesioni continuano) hanno organizzato una manifestazione cittadina per sabato 18 Novembre alle 11:30 a piazza Mastai.

 

 

In ambito capitolino non sono state molte le prese di posizione contro la proroga delle OSP emergenziali, inserita come emendamento al cosiddetto “DDL Concorrenza” a cura del senatore De Priamo di Fratelli d’Italia.

Salvo nostri errori infatti, si sono espresse contro solo l’assessore capitolino al commercio, Monica Lucarelli, e la presidente del Municipio I, Lorenza Bonaccorsi, sostenuta in questo dalla sua giunta che ha anche annunciato l’adesione alla manifestazione di sabato 18 novembre.

 

Fino a qualche giorno fa spiccava il silenzio del sindaco Gualtieri, che non sapevamo se interpretare come ignoranza della gravità del problema o volontà di non disturbare il governo per qualche recondito scopo. Poi però, nell’ambito della conferenza stampa di presentazione del nuovo regolamento OSP, avvenuta lo scorso mercoledì 15, il sindaco ha finalmente detto qualche parola contro la proroga decisa dal Parlamento.

La grande timidezza del sindaco su questo tema non può non preoccupare, perché la sua tardiva e flebile presa di posizione contro la proroga del regime emergenziale fa pensare che egli non vorrà impegnarsi neanche in un ristabilimento della legalità sulle strade romane. Al di là infatti della normativa OSP straordinaria, basterebbe applicare le norme che sono rimaste sempre vigenti, a partire dal Codice della Strada, per ridurre drasticamente gli innumerevoli abusi ancora presenti.

 

L’occasione per rimettere ordine nelle OSP romane è data da un nuovo regolamento che dopo mesi (troppi!?!) di gestazione dovrebbe essere in dirittura finale. Da notare che il ritardo di questo regolamento è stato preso dal senatore De Priamo come scusa per proporre la proroga del regime emergenziale; per De Priamo infatti proprio la mancanza di un nuovo regolamento a Roma suggeriva la necessità di lasciare la situazione sul campo immutata, mentre la verità è che prima si torna ad un regime normale meglio è per provare a ripristinare un po’ di regole su strade e marciapiedi. Ma da tempo abbiamo capito che il motto “legge e ordine”, caratteristico di tutte le destre serie nel mondo, nel caso dell’Italia non attecchisce.

Peraltro andrebbe fatto notare al senatore De Priamo che l’eventuale situazione problematica di Roma non avrebbe dovuto giustificare un provvedimento nazionale, ma forse il senatore ancora fatica a capire che non è più in Assemblea Capitolina bensì nel Senato dell Repubblica.

 

Che la manifestazione di sabato 18 riesca a convincere la maggioranza governativa a ripensarci sulla proroga delle OSP-COVID è cosa difficile da pensare, basti vedere i salti mortali carpiati multipli con avvitamento che il governo Meloni sta facendo per salvare la lobby dei balneari da dei sacrosanti bandi.

Basterebbe però che l’amministrazione capitolina desse qualche chiaro segnale, a partire dal suo vertice, di voler ripristinare un livello accettabile di legalità sulle OSP romane per cambiare sostanzialmente lo status quo.

Un segnale del genere potrebbe poi essere ripreso da tante altre amministrazioni cittadine in Italia, le quali potrebbero così rispondere alla protervia della maggioranza parlamentare con iniziative di ristabilimento della legalità ben difficili da contestare o contrastare.

 

Aspettando di vedere se la manifestazione otterrà qualche effetto evidente, cogliamo intanto il bel segnale dei tanti cittadini che cercano di reagire ad iniziative legislative che vanno a vantaggio di piccole lobby causando nel contempo danni e disagio a tutti gli altri.

 

Per un’aggiornata cronistoria sulle OSP emergenziali suggeriamo la lettura dell’articolo di Paolo Gelsomini sulle pagine di Carte in Regola.

Condividi:

Una risposta

  1. Buonasera, sono una semplice turista e ..la mia domanda nasce o sfocia spontanea…, quale colore ha il Tevere visto da qualsivoglia mitico , mistico, storico ,leggendario Ponte di Roma? ….. sara’ mai possibile emozionarsi buttando l’occhio sul FIUME?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »