Nella giornata dell’altro ieri, in merito alla neutralizzazione del terrorista tunisino, il ministro dell’Interno Marco Minniti ha tra l’altro dichiarato che l’operazione di Sesto san Giovanni, alle porte di Milano “... non è casuale, è la dimostrazione della capacità di controllare il territorio“.

Questa volta la punta di lancia è stata la Polizia di Stato” ha detto il ministro, ma “è un punto di connessione molto forte tra la Polizia, i Carabinieri e la Polizia Locale. Questa collaborazione rende, se non impossibile, più difficile penetrare sul territorio“.

 

Abbiamo allora voluto fare una verifica di questo efficace controllo del territorio in uno dei luoghi che sono stati giudicati più a rischio di attentati, l’area del Pantheon. Di seguito qualche immagine.

 

pant1

 

pant2

pant3

pant4

pant5

Va bene che i venditori ambulanti abusivi non rappresentano normalmente un reale pericolo, ma la loro presenza indisturbata dà la misura del livello di controllo del territorio.

 

Anche il musicista di turno non dovrebbe rappresentare un pericolo, ma il fatto che costui possa requisire per sé una buona ventina di metri quadrati della piazza senza che qualcuno gli dica qualcosa (senza contare il frastuono che genera per coloro che magari cercano di raccogliersi nella basilica del Pantheon, specialmente quando vi sono funzioni in corso), dà anch’esso la misura del “tana libera tutti” in corso, altro che buon controllo del territorio.

 

[youtube url=”https://youtu.be/JNWB-2Ef5G0″]

 

 

C’è però un elemento che abbiamo rilevato e che piuttosto che essere un segnale di poco controllo rappresenta un pericolo grave ed immediato.

 

pant6

COSA CI FANNO DUE CAMIONCINI CARICHI DI BOMBOLE DI GAS A POCHI METRI DAL PANTHEON E DA CENTINAIA DI PERSONE?

 

Forse il ministro Minniti deve dare una ulteriore risistemata al sistema di sicurezza messo in piedi, tenendo presente che a Roma le cose si fanno “alla romana”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati. In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati.

In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/U4uu20fkiI

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close