muro-delle-grazie

 

A Largo Preneste ho scoperto il Muro delle grazie, una parete rivestita di ex-voto, piccole pietre di marmo con una data e quel misterioso acronimo PGR, per grazia ricevuta. Ci arrivo spinta da un vento autunnale perché certe sere camminare senza meta è l’unica cosa da fare. Mi ritrovo davanti alle lapidi di marmo, tante misure diverse per raccontare lo stesso grande mistero: una grazia ricevuta. Alcune scritte non si leggono più, sono state cancellate dal tempo. Si comincia nel 1910 e poi tutte le decadi. Cento anni di miracoli.

muro-delle-grazie2

 

Mi viene in mente Dino Buzzati, la sua attrazione per gli ex-voto, il suo tentativo di raccontare l’inaspettato irrompere nella realtà del mistero. C’è il suo strano “I miracoli di Val Morel“, l’ultimo libro. Lo scrittore era malato e forse sperava in un miracolo. Ma un ateo può chiedere una grazia? Per Buzzati la guarigione miracolosa non arrivò ma davanti a questo muro mi piace pensare che forse anche il grande scrittore ebbe un piccolo dono dal cielo. Forse quella fitta e incessante nevicata che, nel giorno del suo funerale (il 22 gennaio del 1972), trasformò Milano in una “gigantesca Dolomite”. Un prodigio anche quello.

Accanto al Muro delle grazie c’è la fermata dell’autobus, la gente aspetta con le spalle voltate, gli occhi altrove, indifferente al mosaico di preghiere di questa folla di fantasmi, ai bigliettini infilati accanto al viso della Madonna, alla segreta e intima corrispondenza tra esseri umani e Dio.

madonna-delle-grazie

 

Mi colpisce un foglietto attaccato con il nastro adesivo: “GRAZIE MADONNA! Mia figlia si è sposata”! E mi fa sorridere, a ciascuno il suo miracolo. Penso a mia madre, chissà se ha pregato così in una chiesa a suo tempo, senza nemmeno confidarlo a me. Dunque, c’è sempre il rischio che qualcuno chieda un miracolo al posto tuo……Non ci avevo mai pensato. Me ne torno a casa, bella serata, affascinante scoperta nel cuore di Roma: un altro misterioso enigma di forza e fragilità dell’essere umano.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria