Ecco perché a Roma serve una vera politica del traffico e della mobilità

traffico 2

Per i romani non è certo stata una sorpresa: Roma è, tra le grandi città italiane, quella più trafficata. Questa volta a dirlo non sono gli inferociti automobilisti capitolini, ma i dati della TomTom, società olandese che produce e gestisce il più grande sistema di navigazione satellitare per automobili. Il traffic index, infatti, calcola il livello di congestione del traffico delle principali  città del mondo con una popolazione superiore agli 800mila abitanti.

Strade bloccate, raccordo intasato, code interminabili,tutto questo adesso ha anche un’evidenza scientifica. Roma, con il 38% si colloca al tredicesimo posto nel mondo e al primo in Italia. Questo vuol dire che, fatto cento una condizione di traffico regolare, a Roma occorre il 38% di tempo in più per spostarsi da una parte all’altra. Segue Milano,con il 30%, che si trova al cinquantesimo posto nel ranking mondiale, Napoli (29%) al cinquantatreesimo posto e, infine, Torino (22%) al centoquattresimo posto. Come esposto nella figura 1, al primo posto nella scala mondiale Istanbul con il 58%, al contrario, chiude l’innovativa classifica Kansas City, al centoquarantaseesimo posto, con l’indice di congestione fermo all’11%.

 

traffico città
Fig. 1 – Indice del traffico nelle città italiane con oltre 800 mila abitanti, con la prima e ultima in graduatoria (val. %). Fonte: elaborazioni Diarioromano, su dati TomTom Traffic Index 2015

 

Secondo i dati contenuti nel database della TomTom, i romani trascorrono ogni anno 93 ore imbottigliati nel traffico; praticamente 4 giorni l’anno prigionieri, nella perenne speranza che la situazioni migliori e che tornare a casa o raggiungere il proprio posto di lavoro non sia più un’impresa impossibile. Giorni da dimenticare, come nel caso del 19 dicembre scorso, il peggiore dell’anno, sempre secondo i dati raccolti dall’indagine. Inutile ricordare che si trattava dell’ultimo venerdì prima della chiusura natalizia delle attività commerciali. Gli automobilisti romani ancora se lo ricordano.

Tra le grandi città con più di 800mila abitanti segue Milano, anche se in questo caso il dato risente sicuramente degli innumerevoli cantieri aperti per Expo2015. Per i milanesi i momenti peggiori per mettersi in macchina sono il lunedì mattina e il venerdì sera con picchi di congestione del traffico rispettivamente del 71% e del 67%.

 

traffico in italia
Fig. 2 – Indice del traffico nelle prime 10 città italiane (val. %) Fonte: elaborazioni Diarioromano, su dati TomTom Traffic Index 2015.

 

È interessante osservare che mentre Roma scalava la classifica delle città più congestione al mondo, il Tar del Lazio da una parte e il Consiglio comunale dall’altra, hanno pensato bene di dare un loro piccolo contributo al disastroso problema del traffico nella capitale. Nel primo caso, il Tribunale amministrativo ha bocciato gli aumenti per la sosta tariffata decisi dal Comune; nel secondo, l’Assemblea capitolina ha fatto mancare il numero legale nonostante fosse in discussione il Piano generale del traffico urbano.

Per Guido Improta, Assessore alla Mobilità e ai Trasporti e ai Rapporti con l’Assemblea Capitolina la fotografia scattata dal TomTom Traffic Index, è “impietosa”. “Lo studio – prosegue Improta – certifica una situazione che per questa Amministrazione non è sorprendente e rispetto alla quale sono state pianificate da tempo risposte forti e decise. L’attuale Giunta, fin dal suo insediamento, ha approvato provvedimenti finalizzati a risolvere criticità storiche e a modificare l’approccio culturale rispetto ai comportamenti di mobilità. Tale strategia è contenuta nel Piano Generale del Traffico Urbano che finalmente domani inizierà il suo iter verso l’approvazione finale da parte dell’Assemblea Capitolina».

“Proponiamo una nuova visione di città – conclude l’assessore ai trasporti del Comune di Roma – più accogliente, più vivibile, in grado di soddisfare meglio le esigenze dei cittadini attraverso il potenziamento dei servizi, l’efficientamento del TPL, l’estensione delle ZTL, la revisione della sosta tariffata, la diffusione delle isole ambientali per la promozione della mobilità pedonale e ciclabile. Rivendichiamo l’adozione di misure che hanno riscosso grandissimo apprezzamento da parte dei cittadini, come l’introduzione del servizio di car-sharing a flusso libero e il potenziamento di quello a postazione fissa”.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon. Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon.
Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3tKT8tMveu

A Roma i #disabili non esistono! Anche quest'anno la Giornata Internazionale delle persone con #disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti 👇📰 diarioromano.it/a-roma-i-disab…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

A Roma i disabili non esistono!

Anche quest’anno la Giornata Internazionale delle persone con disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close