È la cura del verde un problema trascurabile?

La gestione del verde cittadino si è dimostrato uno dei filoni più redditizi della cosiddetta “Mafia Capitale” e la storia per cui il rinomato Servizio Giardini del Comune di Roma sia stato ridotto al lumicino per consentire sempre più appalti esterni da manovrare appare ben più che credibile.

Da quando si è insediato l’attuale governo cittadino non è riuscito a completare un appalto che sia uno sulla cura del verde. Il motivo principale deve essere senz’altro la paura da parte dei nuovi amministratori, ma anche dei funzionari capitolini, di incappare nelle stesse dinamiche truffaldine degli anni passati. Ma deve esserci stata anche la convinzione che tutto sommato la manutenzione del verde cittadino non fosse una priorità, che erano altri i problemi su cui concentrarsi (rifiuti, buche, mobilità) e che a tempo debito ci si sarebbe occupati anche di parchi, giardini e piccole aiuole. Inoltre la responsabilità del verde è in capo allo stesso assessorato che deve gestire la delicatissima questione rifiuti, per cui deve essere venuto naturale concentrare tutti gli sforzi e le risorse sui rifiuti pensando che il verde non curato fosse solo una questione estetica.

Ed invece la realtà degli ultimi giorni sta dimostrando che le sterpaglie riarse di cui è ormai ricoperta tutta la città si stanno trasformando in una miriade di piccoli ma pericolosissimi incendi nel cuore della città, con situazioni da vera e propria guerriglia urbana.

 

fuochi3
Sterpaglie a fuoco a San Basilio hanno provocato l’incendio di dieci mezzi

 

fuochi1
Sterpaglie a fuoco a via Tiburtina e Ponte Mammolo

 

fuochi2
A fuoco anche la piccola aiuola dello spartitraffico centrale della Colombo

 

Oltre che con le sterpaglie incendiarie, il verde dimenticato si sta vendicando provocando crolli improvvisi di alberi o di grossi rami.

 

alberi1
Il grosso platano venuto giù a Trastevere

 

alberi2
Grosso ramo crollato in Prati

 

alberi3
Grosso arbusto cade sul marciapiedi di via Nomentana

 

La situazione si fa di giorno in giorno più grave e né la titolare all’ambiente né tantomeno lo stesso Sidnaco appaiono cogliere tale gravità ma soprattutto diano l’impressione di saper gestire una tale emergenza.

Sarà questo, a sorpresa, l’ambito in cui dovrà intervenire il governo magari con un commissario che riporti il verde cittadino ad una condizione di civiltà?

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

  1. A partire dal 4 luglio saranno firmati i contratti per la potatura e la messa in sicurezza di 82mila alberature romane. Gli interventi sono il risultato di un bando europeo per un valore di 3,5 milioni di euro. “E’ il primo tassello di un percorso finalizzato a garantire un’attenzione costante e puntuale per i 330mila alberi della città”, afferma l’assessora alla Sostenibilità Ambientale, Pinuccia Montanari.

    “Partiamo dalle situazioni più critiche, ma stiamo lavorando per estendere il raggio d’azione”, spiega . “Invertiamo la rotta dopo anni di incuria e di abbandono, garantendo un’oculata programmazione e assoluta trasparenza nelle procedure”.

    “Creiamo le condizioni per ristabilire la normalità all’insegna di una pianificazione strategica”, conclude Montanari.

    30 GIU 2017 – RED

    http://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW1601250

    1. Purtroppo è la distanza tra i proclami a cui questa amministrazione ci ha abituato e la realtà cittadina che fa dubitare dell’efficacia dell’iniziativa annunciata dalla Montanari. Parlano molto questi sedicenti “nuovi politici” ma nei fatti dimostrano una miscela disastrosa fatta di inettitudine, inesperienza e totale incapacità di ascolto.
      Sarebbe ora che il governo nazionale cominciasse a dare qualche segnale, minacciando di intervenire sui problemi più urgenti, quali ad esempio i ricorrenti incendi cittadini. Se Raggi e compagnia continuano a dimostrare di non saper gestire neanche le emergenze non è che possiamo aspettare altri quattro anni per passare oltre. Non ci sarà più una città da amministrare a quel punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Trinità dei Monti ancora solo per quelli bassi. A Trinità dei Monti i lecci consentono di passare solo a quelli sotto il metro e mezzo. Questa è la terza segnalazione in tre anni, il che vuol dire che da almeno tre anni nessuno mette mano a queste piante. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Trinità dei Monti ancora solo per quelli bassi.
A Trinità dei Monti i lecci consentono di passare solo a quelli sotto il metro e mezzo. Questa è la terza segnalazione in tre anni, il che vuol dire che da almeno tre anni nessuno mette mano a queste piante.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/alg9bvL4vI
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close