C’erano una volta i giardinetti

Nessun commento

Quelli che a Tor Tre Teste una volta chiamavamo “i giardinetti” sono ridotti ad una landa semideserta punteggiata di ceppaie a mo’ di tombe.

La foto che segue, presa su via Davide Campari, un tempo mostrava un enorme ombrello di albizie, mentre oggi i pochi alberi sopravvissuti sembrano compatire i fratelli che non ce l’hanno fatta.

 

 

Stessa desolazione da altra angolazione:

 

 

Qualche vista dell’interno del parco.

 

 

 

Che poi a vederlo così non sembra neanche troppo male: erba verde, abbastanza tagliata, ancora un discreto numeri di grandi alberi presente. A confronto con tante altre aree verdi di Roma questi giardinetti non ne escono poi così male. Rimane però l’amarezza al ricordo di come quest’area venisse tenuta fino a pochi anni fa.

 

Peraltro nel 2002 “i giardinetti”vennero intitolati ad un colonnello dell’aeronautica, Davide Franceschetti, un ragazzo cresciuto in quel quartiere e morto nel 2001 in un incidente di volo.

 

 

Fine di una breve riflessione autobiografica, costatando una volta di più come quella che un tempo era la mera normalità, ossia la semplice manutenzione di un piccolo parco, oggi appaia come una chimera irraggiungibile.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Facciamo che siamo in tre a provare schifo assoluto. Compiacersi dei licenziamenti ed esporli al pubblico ludibrio dimostra totale ignoranza di come si guida un’azienda e una città. Non è così che #ATAC rinasce ed anzi è questo il modo di continuare a far morire Roma. twitter.com/iltrenoromalid…

L’incapacità fatta azienda di trasporto pubblico. Neanche a gestire delle navette sostitutive sono in grado. twitter.com/mercuriopsi/st…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.