Leggiamo la notizia che alcuni writer a Bagni di Tivoli sono stati costretti (o forse è meglio dire “caldamente invitati”) a ripulire le loro stesse scritte e ci chiediamo quanti anni luce possa separare questa cittadina della provincia romana dalla capitale.

WriterBagni

Perché come tutti sappiamo bene, a Roma le scritte sui muri, sui vagoni della metro, sui treni interregionali, sono vissute come un male inestirpabile, un cancro con cui occorre imparare a convivere che tanto non c’è modo di eliminarlo.

C’è invece questo edificante esempio giusto alle porte di Roma, dove apparentemente la sola minaccia di agire penalmente da parte di RFI, proprietaria dell’immobile vandalizzato, ha convinto i ragazzi responsabili delle scritte a provvedere alla loro cancellazione.

Si può fare quindi e non sembra neanche una cosa tanto difficile. E se il Sindaco non avesse lasciato cadere la proposta che egli stesso fece, a quest’ora interi quartieri di Roma avrebbe un aspetto ben diverso. Queste le parole che il Sindaco Marino pronunciò durante un incontro con i blogger nel dicembre del 2014:

Mi sto convincendo ad organizzare per i writers delle vere e proprie trappole per arrestarli. Così ha fatto Boris Johnson a Londra o il sindaco di Vienna. Queste bande vengono a Roma perché sanno che qui c’è impunità. Ma noi dovremo coglierli sul fatto e farli processare“.

Quanto appena avvenuto a Bagni di Tivoli dimostra che si può anche evitare di arrivare al processo. Ma certo, ci vorrebbe qualcuno che il problema voglia veramente affrontarlo, ed a Roma purtroppo si stanno perdendo le speranze.

Ricordiamo comunque che anche dai cittadini possono venire azioni efficaci nel contrasto all’invasione delle scritte.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Corso Trieste: i pini sottoposti a test di tenuta.
Domenica i tecnici dell’Ufficio Giardini hanno provato la resistenza degli alberi davanti al Giulio Cesare. Ulteriori prove su tutta la strada nel mese di marzo.
#fotodelgiorno

Ancora schiaffi in faccia ai vigili romani!
Nuovo giro di affissioni dei cartelli abusivi gialli del solito traslocatore, come a dimostrare che il territorio lo controlla lui e non la Polizia Locale. Tutto a posto comandante De Sclavis?
@gualtierieurope

Finisce l’inverno e tornano le erbacce che nessuno estirpa.
In primavera occorre diserbo e manutenzione. Nella foto le aiuole di piazza Palombara Sabina dove non si fa alcun intervento.
#fotodelgiorno

#CheAriaFa a #Roma e nel #Lazio? Ieri 27/02/2024 nessuna centralina ha superato i limiti di legge per #pm10: https://www.arpalazio.net/main/aria/sci/qa/misure/PM10.php
@SNPAmbiente @ISPRA_Press @ConsiglioLazio #ARPALazio #Ambiente

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria