L'azienda invita gli abbonati ad usare la carta di credito o lo smartphone per passare ai tornelli e invece addebita 19 euro non dovuti. Nessun rimborso dopo le lamentele

Tra i vari obiettivi del Concordato ATAC c’è la digitalizzazione dei biglietti, ovvero la possibilità di comprare col proprio smartphone dei titoli di viaggio elettronici equivalenti al cartaceo. Questo al fine di ridurre i costi per i materiali e la distribuzione dei biglietti cartacei, ed aumentare gli incassi diminuendo l’evasione “di necessità”, legata alla difficoltà -in alcuni casi- di trovare facilmente un punto vendita.

Uno dei nuovi canali digitali è il “TAP&GO”, attivo per ora solo sui tornelli abilitati delle Metro/ferrovie ATAC, che permette di accedere semplicemente passando la propria carta di credito/bancomat di tipo contactless sul lettore, senza alcuna necessità di registrazione a siti o di scaricare app sullo smartphone, a meno che non si voglia acquistare un abbonamento mensile o proseguire il viaggio su un mezzo Cotral (nelle tratte urbane). Sulla carta adoperata viene poi addebitato il costo del biglietto.

Ci sono però tuttora lamentele di utenti che si ritrovano già al primo passaggio un pre-addebito di 7 euro (pari al costo di un biglietto giornaliero), in base ad un meccanismo che non tutti conoscono, adottato da alcune banche che poi restituiscono l’eventuale differenza entro qualche giorno.

Il problema più grosso pare invece essere sugli abbonamenti. Sul sito ATAC è riportato testualmente:

“L’accesso alla metropolitana è possibile anche con le carte digitalizzate sui dispositivi abilitati al pagamento NFC (smartphone, etc.)…Se utilizzi la tua carta come abbonamento mensile puoi viaggiare su tutta la rete Atac nel mese di riferimento”.

 

La carta di credito materiale registrata sul sito MyATAC ed usata per acquistare un abbonamento mensile, diventa come un abbonamento materiale Metrebus, ed è presente (virtuale) anche nell’app di ATAC sullo smartphone. Si può quindi ritenere logico e corretto poter usare ai tornelli indifferentemente la carta di credito “materiale” o la stessa “virtuale” su smartphone. Anche il sito del Comune di Roma sembra dire questo.

 

 

Ma non è affatto così.  Un utente ad Ottobre scorso ha comprato un abbonamento TAP&GO ed è passato ai tornelli usando a volte la carta di credito ed altre lo smartphone, ritrovandosi poi un indebito addebito di 19 euro sulla carta di credito.

Al reclamo via PEC (protocollo@cert2.atac.roma.it) ATAC non ha dato risposta, al sollecito tramite il Dipartimento Partecipate (protocollo.partecipazioni@pec.comune.roma.it, che tuttavia si è dichiarata non-competente in merito), ATAC ha poi risposto con un messaggio non pertinente che in sostanza significava: nessun rimborso.

Non è chiaro il motivo per cui per ATAC la stessa identica carta possa dare luogo a due linee di pagamento distinte, a seconda che sia usata in maniera virtuale tramite smartphone o materiale. Incomprensibile il mancato rimborso all’utente. Da rivedere necessariamente la comunicazione sui siti, che di fatto è risultata fuorviante.

 

 

Condividi:

Una risposta

  1. So if I understood well through Google translate, if I paid 7€ because I used my card, the bank will then make the difference based on how many times I actually used the metro?
    It is totally unfair to write 1.50€ for a ticket and charge 7 instead

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato. Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato.
Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Bcy85K98xA

È online il sondaggio per rilevare la soddisfazione degli utenti del Trasporto pubblico di Roma. Se nel corso del 2022 siete stati utenti anche solo occasionali non perdete la possibilità di dire la vostra! Richiede account Google ma è anonimo. forms.gle/L8yZWT7PD1bhhC… Retweeted by diarioromano

Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. twitter.com/diarioromano/s…

test Twitter Media - Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. https://t.co/YbdaqlepKk https://t.co/XjVAAFFjOK

Un salto nel passato dei trasporti grazie al modellismo. Una #mostra a Torre Maura I bus e i tram d'epoca, le storiche paline #Atac, auto della Polizia e caserme dei Pompieri, oltre agli immancabili treni. Evento organizzato da Vivitreno 👇📰 diarioromano.it/un-salto-nel-p…

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close