ATAC Fase2 – Le stazioni Metro da evitare come la peste

Una simulazione degli accessi alle fermate della metropolitana di Roma con le nuove regole mostra in alcuni casi attese anche di ore. La sopravvivenza affidata agli stessi utenti

Il test alla stazione Metro San Giovanni è stato un flop clamoroso, ma è il massimo che riesce a fare ATAC, né proverà a fare di meglio. Come al solito toccherà agli utenti inventarsi un modo per sopravvivere alla giungla urbana.

 

Abbiamo preso i dati ufficiali relativi a tutti gli ingressi in tutte le stazioni Metro di Roma nel 2018 (ultimi disponibili), e abbiamo fatto una simulazione per capire le stazioni più critiche, in base ad alcune stime statistiche (solo ATAC comunque conosce i dati reali sui picchi di accessi e l’andamento esatto in base alle fasce orarie).

Le banchine sono lunghe 120 metri e sono larghe almeno 3 metri, in teoria potrebbero posizionarsi almeno 120 persone, vediamo come andrebbe con 90, se tutto funzionasse alla perfezione.

 

Sulla Metro A la stazione più critica è Termini.

 

Se il flusso fosse quello di sempre, la mattina si creerebbero code di oltre 2,3 km con attese di almeno 42 minuti. Se il flusso fosse ridotto al 70% (cioè il 30% in meno), la situazione non diventerebbe critica, purché la Metro sia regolare e si facciano entrare almeno 90 persone per volta. Le altre stazioni critiche sono San Giovanni, Flaminio (e, col ritorno dei turisti, Ottaviano).

 

Passiamo alla Metro B. Anche qui la stazione più critica è Termini.

 

Qui la fascia oraria più critica è nel pomeriggio, con code di oltre 2,3 km e attese di almeno 70 minuti. Se il carico fosse ridotto al 70% (ipotesi verosimile), non dovrebbero verificarsi particolari criticità, SE e SOLO SE sarà possibile accedere in 90 per volta, e la Metro sarà regolare. Le altre stazioni critiche sono Tiburtina, Piramide (e, col ritorno del turismo, Colosseo).

 

Passiamo alla Metro C. Con la sua frequenza a 9 minuti è la più critica in assoluto, sebbene i problemi siano tutti e solo al capolinea San Giovanni. Qui potrebbero formarsi code già dalla mattina, e arrivare a livelli insostenibili per ora di pranzo (abbiamo omesso i numeri dalle 5:30 alle 12:30 perché essendo un capolinea di arrivo e non di partenza in quella fascia oraria, non è possibile usare uno schema standard di calcolo).

 

Chi si mette in coda alle 16:30 potrebbe entrare in Metro alle 21. È assolutamente necessario aumentare il numero di accessi consentiti almeno a 150 per volta (nell’ipotesi di afflusso al 70%), e l’ampia banchina lo consentirebbe. Considerati i numeri in gioco, chiunque debba prendere la Metro C a San Giovanni farebbe meglio ad andare alla stazione di Lodi o trovarsi una qualsiasi altra alternativa.

Roma pagherà a carissimo prezzo tutti i ritardi legati allo sviluppo della Metro C.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »