Sul facebook dell’instancabile consigliera Nathalie Naim leggiamo questo post, dove si riporta il messaggio di un giovane residente del rione Monti:

Sono le 11.45 e questo tizio ancora si riposa beato dopo una nottata di schiamazzi. E’ da circa una settimana che si è stabilito qui. Ieri sera fino alle due di notte abbiamo sopportato canti tamburi e stereo a manetta. La scalinata è terra di nessuno. In tanti la prendono anche come un bagno a cielo aperto. Ho provato a parlare con questi sciagurati, ma ho solo ottenuto male parole e più rumore. Siamo completamente abbandonati, cittadini da spremere.

 

monti1

 

Lo stesso giorno un’amica del blog ci scrive il messaggio che segue:

Sono passata a via della Rosetta dove schierati tra le bottiglie di birra erano seduti I senza casa di piazza s Agostino e gli amici degli artisti di strada, l’appellativo più gentile con cui mi hanno apostrofata quando mi hanno chiesto soldi e non ho risposto e stato “puttana” (scusate la chiarezza) vi lascio immaginare il resto. Al centro a via della Rosetta di giorno questo c’è.

 

Questi episodi, che solo apparentemente appaiono fastidi minori, danno il segno dell’abbandono più totale in cui vengono tenuti luoghi centrali di Roma. Non che il centro abbia più diritti delle periferie, ma il fatto che neanche a pochi passi dalle sedi del Parlamento e del Governo si riesca ad assicurare ai cittadini un accettabile livello di sicurezza vuol dire che per il resto della città non c’è da aspettarsi nulla di buono.

Ci chiediamo cosa debba accadere perché il Prefetto o il Sindaco si rendano conto del far west in cui sono costretti a vivere i cittadini in ogni zona della città, dalle periferie più remote ai luoghi più centrali. Per il Giubileo era stato messo in campo un dispositivo interforze che aveva dato buoni risultati. Apparentemente tale dispositivo non è più attivo e si nota da mesi una diminuzione dei vigili per le strade, oltre ad una loro sempre più ridotta efficacia.

A nostro avviso se il Sindaco non si rende finalmente conto della gravità della situazione cittadina dal punto di vista della sicurezza e prende qualche iniziativa, a partire dal dare una sveglia al Comandante dei vigili, tra non molto si potrebbero creare le condizioni per un commissariamento cittadino.

Qui ci si gingilla tra la telenovela dello stadio della Roma e la fantastica funivia di Casalotti, mentre la città scivola nell’illegalità ed insicurezza a tutti i livelli. Il ristabilimento di un minimo di ordine cittadino è ormai una priorità non procastinabile. Se l’amministrazione in carica se ne rende conto e si attiva per invertire la tendenza bene, altrimenti sarebbe buona cosa che il governo intervenga e metta tutto in mano ad un commissario.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »