Rumore Moto

 

Quella sirena assordante, quel treno che passa troppo vicino alle finestre, quel sottofondo del traffico che disturba le nostre notti e le nostre giornate. Il tema del rumore nelle grandi città è considerato un male minore e invece gli studi dimostrano che è causa di problemi alla salute anche gravi. Disturbi psicologici o anche fisici sono stati messi in relazione diretta con l’inquinamento acustico e con le scarse possibilità di difesa che hanno i cittadini.

Roma, che quando si tratta di problemi non si fa mancare niente, si piazza al secondo posto tra le città più caciarone di Italia, preceduta solo da Napoli, con Milano e Torino in posizioni migliori (Fonte GfK Eurisko).

Una legge saggia emanata circa 10 anni fa sulla base di una direttiva europea, impone alle grandi città di realizzare una mappa del rumore in modo da cercarne possibili rimedi. Il Campidoglio ha siglato pochi giorni fa una convenzione con l’Ispra, Istituto per la prevenzione e ricerca ambientale, per rinnovare la mappa che già è stata realizzata nel 2007. Entro i prossimi due/tre mesi sarà pronta la mappa e sarà compito della nuova amministrazione mettere mano alle situazioni più critiche.

Rumore marmitta

 

TRAFFICO STRADALE E MOTOVEICOLI. Il traffico viene considerato da tutti il fattore che produce il maggior inquinamento acustico ma in genere le soluzioni per il traffico sono le più semplici. Ad esempio occorre intervenire sulle due ruote che producono mediamente il 30% in più di rumore rispetto alle 4 ruote. Un ciclomotore a due tempi può essere più rumoroso di un’auto di media cilindrata del 40%, mentre un ciclomotore a quattro tempi si attesta mediamente sul 20%. Controlli rigorosi sulle marmitte dei motorini (spesso alterate per ottenere maggiori prestazioni) e pressioni da parte del legislatore sui produttori potrebbero portare ad una riduzione importante del frastuono provocato dal traffico. Inoltre, altri interventi di facile realizzazione sono l’uso di asfalti fonoassorbenti, l’installazione di barriere alle uscite da gallerie o nei pressi delle tangenziali e la lotta alla doppia fila (c’è sempre lo sappiamo, ma le frenate e le ripartenze sono causa di aumento del rumore mentre un traffico fluido impatta meno sulle nostre orecchie).

In particolare l’asfalto fonoassorbente è anche ecologico, in quanto realizzato in parte riciclando vecchi pneumatici. Rende la strada più silenziosa e più sicura perché aumenta il grip delle auto in frenata. Il suo limite è che costa di più dell’asfalto tradizionale.

treno

 

LE LINEE FERROVIARIE. Altro tema riguarda le linee ferroviarie molto diffuse nelle zone abitate di Roma. Basti pensare ai quartieri sulla Salaria (Villa Spada, Fidene), al lungo perimetro tra lo Scalo di San Lorenzo e Prati Fiscali (Tiburtina, Lanciani, quartiere Africano) dove transitano i treni ad alta velocità e quelli regionali. Questi ultimi sono estremamente più rumorosi perchè dotati di tecnologie obsolete. Un interessante studio dell’Ispra elenca i provvedimenti che possono ridurre del 30/35% le emissioni sonore dei vagoni: dall’uso di smorzatori e ruote silenziate, alla molatura della rotaia, all’adozione di freni compositi. Tutte cose che nelle città normali sono state realizzate da tempo tanto è vero che le capitali europee, sebbene abbiano ferrovie che passano al proprio interno, sono posizionate in punti molto bassi della classifica sull’inquinamento acustico.

ROMA E ITALIA IMPREPARATE. Rispetto a Parigi, Londra, Berlino e Vienna la nostra città soffre grandemente il problema del rumore. In realtà si tratta di un problema italiano tanto è vero che l’Unione Europea ha messo in mora il nostro Paese per il mancato rispetto della direttiva comunitaria 2002/49/CE alla quale si sono adeguate molte altre nazioni. Secondo il rapporto Malaria 2016 di Legambiente, in Italia sono 6 milioni le persone esposte a livelli di rumore inaccettabile. Roma in particolare non ha adottato il Piano di Risanamento Acustico Comunale, sebbene sia obbligatorio per legge. Senza questo piano è difficile stabilire interventi omogenei ed efficaci.

La questione rumore non è affatto da sottovalutare. I costi sociali, infatti, sono notevoli proprio per l’aumento delle malattie cardiovascolari e nervose. E’ un altro compito da assegnare al nuovo sindaco. Con la speranza che riesca a capirne l’importanza.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Immagini dal nuovo far west dei tavolini predisposto da @virginiaraggi. Arredi buttati sulla strada con gli avventori che vengono sfiorati dei veicoli in circolazione. Modello "logorio della vita moderna" con Ernesto Calindri (citazione per gli attempati)

test Twitter Media - Immagini dal nuovo far west dei tavolini predisposto da @virginiaraggi.
Arredi buttati sulla strada con gli avventori che vengono sfiorati dei veicoli in circolazione. Modello "logorio della vita moderna" con Ernesto Calindri (citazione per gli attempati) https://t.co/beQT4dligm

Roma sarà anche piena di incivili, ma i primi responsabili di spettacoli simili sono coloro che mantengono il metodo dei cassonetti in strada non presidiati. . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Roma sarà anche piena di incivili, ma i primi responsabili di spettacoli simili sono coloro che mantengono il metodo dei cassonetti in strada non presidiati.
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/SesuLz2pdY

Passato il messaggio tana libera tutti di @virginiaraggi e @AndreaCoiaM5S, gli esercenti cominciano a fare un po' come gli pare. Pare che a p.za Madonna dei Monti siano stati fatti interventi sul selciato appena rifatto per allargare gli arredi.

test Twitter Media - Passato il messaggio tana libera tutti di @virginiaraggi e @AndreaCoiaM5S, gli esercenti cominciano a fare un po' come gli pare. Pare che a https://t.co/Y52rAjxSAR Madonna dei Monti siano stati fatti interventi sul selciato appena rifatto per allargare gli arredi. https://t.co/rxobITW1P8
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close