Presto! Qualcuno informi Adinolfi!

Nessun commento

ariAdinolfi

 

Agli inizi di aprile avevamo dato conto dell’originalissima spiegazione che il candidato sindaco (!?!) Adinolfi aveva fornito della presenza di manifesti elettorali col suo faccione.

Al tempo l’Adinolfi disse che lui non fa materiale elettorale (non porta neanche la sua spilletta, precisò) ma che certo non può sapere se qualche suo amico avesse deciso di preparare e far affiggere del “falso materiale elettorale”. Sì sì, disse proprio così (con la registrazione di RadioRadicale a far fede).

 

Ebbene che qualcuno avverta ‘sto po’ po’ di candidato a sindaco che l’amico che affisse i manifesti ad aprile deve essersi fatto vivo di nuovo, visto che i faccioni mostrati dalla foto sopra sono stati ritratti nella giornata del 18 maggio.

 

A noi la storia dei manifesti affissi “a sua insaputa” non pare molto credibile e senz’altro questo brutto episodio fa perdere ogni credibilità (ammesso che ne abbia mai avuta qualcuno che si presenta come il “Popolo della famiglia”) ad un candidato che a questo punto non merita neanche il ruolo di comprimario.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Sicurezza stradale. La vicesindaca di Helsinki: "Ho imparato da Roma come NON si fanno le strade". Nella capitale finlandese zero morti tra pedoni e ciclisti nel 2019. Carreggiate più strette in tutta Europa. @LindaMeleo @EnricoStefano @materia__prima diarioromano.it/?p=38105

Ma perché ci sono tantissimi cassonetti rovesciati? Possibile che siano sempre errori di chi li manovra? Qui viale Libia. . #decoro #decorourbano #rifiuti #ama #Roma

test Twitter Media - Ma perché ci sono tantissimi cassonetti rovesciati? Possibile che siano sempre errori di chi li manovra? Qui viale Libia.
.
#decoro #decorourbano #rifiuti #ama #Roma https://t.co/SkOqHeGT8Q
Video diario