Porta Maggiore è una delle porte delle Mura Aureliane. Costruita originariamente sotto l’imperatore Claudio nel 52 per consentire all’acquedotto Claudio di scavalcare le vie Prenestina e Labicana, si trova nel punto in cui convergevano otto degli undici acquedotti che portavano l’acqua alla città.

Tutta l’area di Porta Maggiore è ricca di reperti antichi: monumenti funebri, colombari, ipogei nonché una basilica sotterranea neopitagorica.

In qualsiasi altra città del mondo questo luogo sarebbe una delle maggiori attrazioni culturali, mentre a Roma è condannato a fungere da prestigioso spartitraffico per autoveicoli, tram e trenini. Ma anche considerando l’interesse ridotto, dovuto all’inflazione romana di monumenti, nulla spiega lo stato di totale abbandono e degrado che caratterizza tutta l’area: sterpaglie incolte e rinsecchite, aiuole sporche e maltenute, sporcizia ovunque, accampamenti alla luce del sole, diversi angoli adibiti a latrine, veicoli in sosta, scritte vandaliche su muri e saracinesche.

 

PM7
La tomba monumentale del fornaio Marco Virgilio Eurisace e di sua moglie Atistia

 

PM5

 

PM2
Intervento di sfalcio a metà

 

PM12
Anfratti ridotti a latrine

 

PM3
Anfratti ridotti a latrine

 

PM8
Approvati dalle soprintendenze, si suppone

 

PM9
Bivacchi alla luce del sole

 

PM11
Un muro che non riesce a rimanere pulito

 

PM10
Uno specchio che forse una volta serviva ai tram in manovra

 

PM4
Da quando l’ATAC usa le automobili come veicoli?

 

PM6
Non ne guadagnerebbe il bar lì dietro a tenere in ordine questo spartitraffico?

 

PM1
Non ne guadagnerebbe l’hotel lì dietro a tenere in ordine questo spartitraffico?

 

Questa segnalazione potrebbe essere inviata al Municipio o a qualche ufficio in Comune e magari questo potrebbe portare ad un intervento di generale ripulitura dell’area, ma nel giro di qualche settimana l’incuria riporterebbe tutto allo stesso stato di degrado che vediamo oggi.

Vi è infatti una rivoluzione da realizzare presso le istituzioni, ed è lo spostare l’attenzione dalla realizzazione dei progetti alla loro manutenzione, garantendo che qualsiasi cosa venga realizzata o già esista sia anzitutto mantenuta in ordine e ben funzionante.

A Roma siamo invece abituati a veder completata un’opera, che sia il rifacimento di un giardino piuttosto che nuovo manufatto o una pista ciclabile, e ad assistere al suo abbandono subito dopo l’inaugurazione; il motivo di ciò è che politicamente paga molto di più spendere soldi, anche tanti, in continui progetti di rifacimento, che appunto prevedono momenti di visibilità come le inaugurazioni, anzichè destinare le giuste risorse ad una manutenzione periodica che consenta alle cose di durare nel tempo, una pratica corretta ma che non dà molta visibilità.

Un tale modo di operare è senz’altro dovuto ad una classe politica più interessata al mantenimento del potere che al benessere della città e dei cittadini, ma non potrà non cambiare se non saranno i cittadini stessi a richiedere a gran voce che si ricominci a gestire l’esistente con un costante “minuto mantenimento”.

Condividi:

3 risposte

  1. Io lavoro di fronte a questo monumento, allora lo vedo tutti I giormi. Non riesco a credere che una parte del vostro patrimonio sia trattata con cosi poco rispetto. La zona intorno è diventata una discarica! Che vergogna! Non si può fare niente?

  2. L’attuale amm.ne ha dimostrato un’incapacità insuperabile.
    L’unica sarebbe trovare in qualche grande sponsor che adotti l’intera area e la tenga in ordine.

  3. Orrore recente e ingiustificabile, ma Porta Maggiore come Porta Ostiense risentono delle miserevoli scelte urbanistiche fatte nel secolo scorso che hanno svenduto luoghi di grande suggestione archeopaesaggistica a disordinati squallidi e fatiscenti corridoi ferroviari e automobilistici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Trasporto pubblico nelle periferie ad una svolta? Dal 1 aprile102 linee bus saranno appaltate a nuovi gestori. Tra questi non ci sarà Trotta, esclusa dopo le denunce di irregolarità pubblicate per primi da diarioromano 👇📰 diarioromano.it/trasporto-pubb…

E quella del Tridente è l'unica Isola Ambientale istituita a Roma (il PGTU ne prevede in tutti i rioni del centro), un pessimo viatico per le prossime Isole Ambientali sbandierate dall'amm.ne. twitter.com/EdwardLoved/st…

Sottoscriviamo: "Quante altre morti servono per cambiare?" @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

I nuovi alberi a viale Buozzi. Ne sono stati piantati una cinquantina, dopo che a luglio del 2022 furono rimossi da Terna per i lavori nel sottosuolo. Gli oleandri sono piccoli ma si spera cresceranno in fretta. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - I nuovi alberi a viale Buozzi.
Ne sono stati piantati una cinquantina, dopo che a luglio del 2022 furono rimossi da Terna per i lavori nel sottosuolo. Gli oleandri sono piccoli ma si spera cresceranno in fretta.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/nexqjSW6nw
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close