La vergogna della stazione Serenissima, totalmente inaccessibile ai disabili

Da 7 anni ascensori e scale mobili "temporaneamente" fuori servizio. Lo scalo, inaugurato nel 2007, immerso nel degrado. Una residente: "Costretta a prendere la macchina"

 

Prima di tutto occorre spiegare a chi non conosce la conformazione della Stazione Serenissima che si sviluppa su tre livelli: quello più alto è sul viadotto di viale della Serenissima (foto di copertina); quello intermedio su via Basiliano (foto sopra) e infine quello dei binari che è diversi metri sottoterra e per raggiungerlo occorre scendere la rampa di scale che si vede nell’immagine seguente.

 

Dunque chi abita su viale della Serenissima, come la nostra lettrice Maria Teresa, deve superare così tanti gradini da essere quasi un atleta. Peccato che Maria Teresa sia affetta da una disabilità alla gamba destra che le impedisce di fare le scale e dunque il treno che la porterebbe a Tiburtina per lei è off limits.

Entrambi gli ascensori, quelli che uniscono il livello più alto con quello intermedio e da qui fino ai binari, sono in “temporanea” manutenzione. Una temporaneità che dura da almeno sette anni.

 

Quanto sia straordinaria la manutenzione che si legge sul cartello qui sopra, lo dimostra il fatto che mancano sia la pulsantiera che la maniglia dell’ascensore. Ma non basta. Scendendo la rampa di scale, la porta al piano sottostante si presenta così, totalmente sigillata da pannelli in acciaio, segno che di riparazione non si parla proprio.

 

Ammettiamo, per un attimo, che Maria Teresa o altri cittadini disabili riescano a scendere la prima rampa da viale della Serenissima a via Basiliano.

 

A questo punto troveranno un altro ascensore e perfino una scala mobile. Problema risolto, dunque? Nemmeno per sogno. Ecco le condizioni dell’ascensore che conduce al livello binari: sigillato anch’esso da pannelli in acciaio e coperto da tags di ogni tipo.

 

Abbandonata la possibilità dell’ascensore, ci si potrà rivolgere verso la scala mobile ma anche questa è totalmente ferma da anni e sommersa da polvere e rifiuti.

 

Quando scelsi questa zona – spiega Maria Teresa – lo feci anche perché in 10 minuti il treno mi avrebbe portata a Tiburtina e da lì potevo prendere la metro e raggiungere l’ufficio. Ma ormai ci ho rinunciato. La mia disabilità sopraggiunta per una malattia neurodegenerativa mi costringe a usare la macchina ogni giorno”.

La stazione Serenissima non è affatto un’opera di due secoli fa come potrebbe apparire dal degrado che la caratterizza ma fu inaugurata nel 2007 assieme alle fermate Tor Sapienza, La Rustica e Togliatti. Un articolo dell’epoca, di Abitarearoma.it, la descrive come un piccolo gioiello, dotata di scale mobili, ascensori, video informativi, panchine e parcheggi. In soli 15 anni la struttura è andata alla malora, priva di alcuna manutenzione e senza vigilanza.

Addirittura il cumulo di rifiuti che era stato lasciato all’interno da alcuni senza tetto, nel 2019 provocò un incendio che produsse un fumo nero e acre, ancora nella memoria dei residenti (foto che segue tratta da Romatoday).

 

Ci siamo soffermati sulle barriere architettoniche perché costituiscono un drammatico impedimento alla libertà di muoversi di tanti cittadini, ma non meno gravi sono le condizioni di sporcizia e di mancato decoro con tutti i muri imbrattati dai soliti vandali.

 

C’è da augurarsi che Ferrovie dello Stato e Comune di Roma mettano mano a un piano di risanamento di questa stazione, partendo dall’eliminazione delle odiose barriere architettoniche.

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close