La “pecionata” in corso a via del Babuino

Siamo andati a verificare i nuovi lavori in via del Babuino e come al solito non siamo rimasti ben impressionati.

Anzitutto va rilevato che la strada è stata completamente rifatta meno di un anno fa, con un esborso complessivo di circa 1,6 milioni di euro. Una volta terminata, la strada fu inaugurata addirittura dal Sindaco in persona, che inserì l’intervento nell’ambito del progetto della cosiddetta “pedonalizzazione del Tridente”. Purtroppo però i mesi trascorsi hanno dimostrato che l’interesse era esclusivamente nel rifare la strada a piacimento del commercio locale, con tutte le altre misure associate alla cosiddetta pedonalizzazione che sono stata abbandonate.

Passato meno di un anno quindi ci siamo chiesti quale poteva essere il motivo del nuovo intervento, soprattutto considerando lo stato ancora miserevole della gran parte delle strade di Roma. E tale motivo è subito spiegato dalla foto che segue.

Bab1

Chiaramente si stanno ritoccando le fughe tra i sampietrini con un’apparecchiatura che pare anche di una certa sofisticazione. Peccato però che il risultato restituisca una pavimentazione stradale che è particolarmente azzeccato chiamare “una pecionata”. Come infatti mostrano le foto che seguono, il materiale bituminoso viene messo in maniera approssimativa, affogando in gran parte i sampietrini; inoltre tale materiale risulta particolarmente “solubile” al sole, per cui c’è da aspettarsi che ben presto si creerà un pastrocchio totale, già percepibile dalle immagini.

 

Bab3
Da notare qui la differenza tra la parte chiusa a bitume (in alto) e l’altra lasciata com’era

 

Bab4
Il lavoretto “di fino” fatto sulle fughe

Pur assumendo che questi lavori vengono effettuati in garanzia dalla ditta che ha fatto l’intervento originario (che se non fosse così ci sarebbe da denunciare il Comune per spreco di risorse sempre negli stessi luoghi), a noi sembrano l’ennesima dimostrazione che a Roma continuano ad essere fatti interventi di pessima qualità, in perfetta continuità con quanto fatto dalla precedente amministrazione. C’è in particolare la posa dei sampietrini che appare essere un vero e proprio tabù, con superfici stradali disconnesse e le fughe che rappresentano un continuo problema. La pratica poi di riempirle con materiali vari, bitume in particolare, ci lascia molto perplessi, giacché uno dei vantaggi del sampietrino è la capacità di far “respirare” il sottosuolo, consentendo un assorbimento diffuso dell’acqua piovana. Ed in effetti vi sono alcune zone del centro storico, intorno al Pantheon ad esempio, dove si possono ammirare pose di sampietrini vecchie di decenni, con fughe praticamente inesistenti ed un piano ben livellato.

Considerata la scarsità delle risorse a disposizione e la necessità di intervenire in larga parte delle strade della città, si può pretendere che l’amministrazione la smetta una volta per tutte di fare pecionate?

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Non siamo esperti e quindi chiederemmo a @gualtierieurope se è normale che un mezzo meccanico, e chi lo manovra, debba lavorare in questo modo.
(ma già sappiamo che né il sindaco né l’assessora @Sabrinalfonsi risponderanno)

Invitiamo gli Utenti rimasti intrappolati nella MetroA a causa dello sciopero del 04/07/24 a contattare l’Associazione.

http://www.tutrap.it/contatti

Grazie!

#ATAC – ennesimo SEQUESTRO DI PERSONE, stavolta partano le DENUNCE‼️
@Prefettura_Roma @QuesturaDiRoma @antitrust_it @corriereroma @rep_roma @ilmessaggeroit @romatoday @Scrittomisto @tempoweb @fanpage @ilgiornale @LaStampa @ilfoglio_it @Striscia @JimmyGhione @TUTraP_APS

TUTraP-APS ricerca Volontari per un progetto di alto valore sociale.

Se sei un informatico e ti interessa collaborare, leggi l’Avviso.

https://www.tutrap.it/avviso-di-volontariato-tutrap-aps/

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »