Divieto di sosta intorno alla Caserma di viale XXI Aprile. E scoppia la rivolta

 

“E’ un sopruso, anzi diciamo la verità una ripicca”, sbotta Donatella residente nel quartiere Bologna da 32 anni mentre alla guida della sua Lancia Ypsilon cerca un parcheggio.

Da quando nelle strade limitrofe al Comando Generale della Guardia di Finanzia di viale XXI Aprile è stato imposto il divieto di sosta, gli abitanti della zona sono furiosi. Via Moroni, via Pisa, piazza del Campidano sono off limits alle auto per presunti motivi di sicurezza.

Un provvedimento della Polizia di Roma Capitale, con l’avallo dell’assessorato al Traffico, ha cancellato oltre 110 posti auto in un’area tra le più congestionate di Roma. Il Policlinico Italia, la Confartigianato e numerosi uffici e attività commerciali insistono nel quadrilatero che al centro ha la Caserma Piave della Gdf.

 

Nel marzo del 2018, il Generale Alberto Reda, responsabile del comando di Roma, aveva fatto domanda di 30 posti auto da destinare ai funzionari dell’arma. Ma il Municipio, dopo alcuni mesi, aveva negato il permesso. Da lì la nuova richiesta questa volta per motivi di sicurezza e non più per soli 30 posti ma di intere strade.

Sarebbe questa la ripicca di cui parla la residente Donatella e come lei la pensano in molti cittadini: si sono riuniti due volte assistiti da alcuni consiglieri municipali per prendere provvedimenti contro un atto che considerano immotivato. La caserma ospita un museo, un centro sportivo e il comando generale ma non uffici operativi che contengono dati sensibili, spiegano i cittadini che si stanno attivando per un ricorso al Tar.

Inoltre all’interno dispone di un parcheggio per 500 auto che dovrebbe essere più che sufficiente per le esigenze dei militari. Il 2° Municipio ha deciso di porsi come mediatore: ha approvato una mozione che impegna la presidente Del Bello a farsi promotrice presso la Gdf di una soluzione condivisa. L’idea è restituire una parte dei posti alla cittadinanza. Ma per il momento la trattativa non ha portato a nulla.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Botteghe storiche e artigiani: un #patrimonio da salvare Il consiglio regionale approva la legge. #Formazione per i mestieri a rischio di estinzione e fondi per promuovere l'eccellenza. Ne sono rimaste 900: erano 5000 negli anni '90 solo in centro 👇📰 diarioromano.it/botteghe-stori…

Vasi, tavoli e ombrelloni in mezzo all’incrocio. A viale Carlo Felice l’ingordigia di un ristoratore gli ha fatto occupare un pezzo di incrocio con i suoi arredi. Ma per i vigili neanche il pericolo per la circolazione è un buon motivo per intervenire #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Vasi, tavoli e ombrelloni in mezzo all’incrocio. 

A viale Carlo Felice l’ingordigia di un ristoratore gli ha fatto occupare un pezzo di incrocio con i suoi arredi. Ma per i vigili neanche il pericolo per la circolazione è un buon motivo per intervenire
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/bejgmcfB8y

#Trasporti. E se il PUMS andasse ripensato? Uno studio dell'Associazione Roma Ricerca Roma mette in evidenza i limiti del Piano e propone una #rivoluzione del ferro: 4 metro e tram. Ma non quello ai Fori... 👇📰diarioromano.it/trasporti-e-se… Retweeted by diarioromano

Il DG aveva detto a @rep_roma che avevamo 200 spazzatrici funzionanti, smentendo noi che sostenevamo ce ne fossero meno della metà operative. Nonostante il supporto di ditte private ancora c'è molto da fare. Vorremmo tanto credergli come fanno @Sabrinalfonsi e @gualtierieurope Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close