Dal CeSMoT: servizio tram sotto il 60% e filobus quasi spariti. Urge chiarezza!

Invece di aumentare le corse per garantire il distanziamento, tram e filobus si stanno estinguendo, senza che l'amm.ne si degni di fornire spiegazioni e rassicurazioni sul miglioramento del servizio

Riprendiamo un recente comunicato emanato dal CeSMoT, Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti e fondato sulle analisi di Mercurio Viaggiatore. Ci ha colpito in particolare il dato per cui il servizio tram starebbe quasi alla metà del programmato, laddove con la necessità del distanziamento lo si sarebbe dovuto raddoppiare.

 

Comunicato Stampa – Roma, CeSMoT: inconcepibile il crollo del servizio di tram e  filobus, Comune faccia urgente chiarezza

 

Da ormai diversi mesi stiamo assistendo ad un crollo verticale del servizio offerto a Roma da tram e filobus. Grazie ai dati pubblicati dal blogger “Mercurio Viaggiatore“, ricavabili dagli open data messi a disposizione da Roma Servizi per la Mobilità (che alleghiamo), si rileva che attualmente il servizio è sotto al 60%.

 

In un anno risultano spariti dal servizio  il 75% dei tram Roma2 serie 92xx (Fiat Ferroviaria Cityway 2 costruite nel 2000)  ed il 25% dei più vecchi tram articolati Stanga (serie 7xxx, vetture che ormai si avvicinano alla fine della vita operativa, considerando che sono state costruite a partire dal 1948).

Il servizio resta assicurato, oltre che dalle Stanga Superstiti, dai Citway Roma I (costruite da Fiat Ferroviaria a partire dal 1997) e, incredibilmente, dai tram SOCIMI serie 90xx , nonostante le ben note vicende che li hanno visti coinvolti. Ricordiamo infatti che inizialmente era prevista una serie di 60 unità, ma che la loro produzione si interruppe nella primavera 1992 quando ne erano state consegnate soltanto 33, a causa del dissesto finanziario della SOCIMI, tanto che tre di queste unità (9030, 9032 e 9033) furono poi accantonate prematuramente per poter ricavare pezzi di ricambio per le altre vetture, non essendo più possibile ordinarli dalla casa costruttrice, nel frattempo fallita . In seguito l’ATM di Milano, che aveva rilevato lo stabilimento SOCIMI di Binasco, riuscì a completare la costruzione di altri 8 tram, consegnati ad ATAC nel corso del 2004  e numerati da 9034 a 9041.

Senza dimenticare la Linea 2 ormai da mesi sospesa e sostituita da autobus per la quale i tempi di riattivazione non si preannunciano brevi.

 

Ben più grave è la situazione dei filobus, con un servizio praticamente inesistente: da maggio dell’anno scorso sono spariti i 45 Breda sulla linea 74, il famoso Corridoio Laurentina, vanto dell’attuale amministrazione che si prese il merito di averlo portato a termine dopo gli “sprechi” delle passate amministrazioni. Anche la linea 90 ha visto la sparizione dei filobus Breda e dopo la consueta pausa estiva sono tornati saltuariamente in servizio solo alcuni dei 30  Filobus Solaris Trollino, vetture che, ricordiamo, hanno avuto lunghi periodi di fermo a causa di problematiche alle batterie.

Nonostante un servizio in caduta libera, il Comune non solo si ostina a non applicare penali ad ATAC, ma continua a pagare il servizio al 100% .

In questa situazione appare evidente che il PUMS, vanto ed orgoglio di Roma Servizi per la Mobilità e del Comune, resterà un magnifico esercizio di stile, destinato a rimanere nel cassetto dei sogni, come già successo a tanti progetti passati.

Del resto sembra che l’amministrazione pensi di risolvere tutti i problemi di mobilità disegnando ciclabili in maniera assolutamente casuale semplicemente disegnando  una striscia gialla in terra. Come CeSMoT temiamo che, al di là di qualche vaga promessa elettorale, il TPL romano resti destinato a proseguire il suo inarrestabile declino: mentre in altre città italiane ed europee si investe su tram e filobus, Roma resta al palo, umiliata da quattro anni di nulla cosmico complice la scarsa capacità degli assessori alla mobilità (o meglio dell’immobilità) Meleo prima e Calabrese ora.

Ci piacerebbe che, in vista delle prossime elezioni,  i candidati a sindaco sottoscrivessero un chiaro impegno, davanti ai cittadini, a rilanciare il TPL: meglio poche opere ma fatte bene che scenografiche promesse irrealizzabili. Urgente ed improcrastinabile, a nostro giudizio, è in primis l’acquisto di nuovi tram, necessari sia per potenziare il servizio sulla rete esistente sia se realmente oltre alle varie linee promesse si vorrà realizzare la linea  lungo C.so Vittorio/ Via Gregorio VII  fino a C:ne Cornelia: la famosa TVA, progettata quasi 20 anni fa, ciclicamente promessa e puntualmente riposta nel libro dei sogni.

Roma ed i romani meritano  di avere un trasporto pubblico efficace ed efficiente, all’altezza di una capitale europea.  Nell’attesa di risposte da parte dell’amministrazione comunale  auspichiamo nell’intervento dell’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, per verificare il rispetto dei contratto di servizio tra Comune di Roma ed ATAC.

 

CeSMoT – Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti

presidenza@©esmot.it

 

 

“Comune faccia urgente chiarezza” recitava il titolo del comunicato stampa, ma ovviamente l’amministrazione capitolina si è guardata bene dal fornire spiegazioni su un servizio che ormai sfiora la metà del programmato.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Ci si sente un po' come il Sordi de "Le vacanze intelligenti" al cospetto dell'arte contemporanea allestita in alcune piazze del centro. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Ci si sente un po' come il Sordi de "Le vacanze intelligenti" al cospetto dell'arte contemporanea allestita in alcune piazze del centro.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/v16Erf5mA8

Come funzionano le emettitrici di biglietti #Atac? Le strane differenze di dati Secondo l'Agenzia per la Mobilità, nel 2018 le macchinette erano efficienti al 98%. Ma i #cittadini avevano inondato l'azienda di segnalazioni... 👇📰 diarioromano.it/come-funzionan…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close