Città in rovina – L’ex fabbrica di penicillina in via Tiburtina

fabbrica penicillina in rovina roma

 

Sir Alexander Fleming, l’uomo che ha salvato milioni di vite umane grazie all’invenzione della penicillina, nei primi anni 50 venne a visitare questo complesso industriale e restò senza parole. “E’ la fabbrica per la produzione della penicillina più moderna e all’avanguardia che abbia mai visto”, esclamò.

unità-1950-fabbrica-penicillina-tiburtina1
foto da Abitarearoma.net

 

 

Era maestosa e incuteva timore. Ettari di terreni ed edifici immensi dove lavoravano migliaia di operai che si erano insediati poco lontano, a San Basilio, a Rebibbia, a Lunghezza. La LEO, questo il nome della fabbrica, era il centro del nuovo polo industriale del dopo guerra. Grazie a questa immensa struttura, la Tiburtina attrasse piccole aziende, indotto, cervelli, diventando uno dei simboli del boom ecomico italiano.

Il Conte Giovanni Armenise, molto vicino a Mussolini tanto da essere nominato Podestà di Genzano direttamente dal duce, era il proprietario dei terreni. E nello stesso tempo anche il presidente e fondatore della Banca dell’Agricoltura. I mezzi economici, dunque, non gli mancavano e infatti non badò a spese nella costruzione del complesso, chiamando i più noti architetti dell’epoca.

Da sola la Leo produceva il 1100 per cento del fabbisogno italiano di penicillina, cioè 11 volte tanto la richiesta interna del Paese. Il farmaco, dunque, veniva esportato in tutto il mondo, ritenuto di grande qualità perfino negli Stati Uniti.

Forse perchè cresciuta troppo facilmente grazie ai denari del Conte Armenise (che a sua volta si era arricchito più per meriti politici che professionali), negli anni 70 la fabbrica entrò in crisi. Tanto che fu deciso di vendere alla ISF, un gruppo di imprenditori che tenne in piedi l’azienda fino al 1990.

ex fabbrica penicillina roma

ex fabbrica penicillina san basilio

Fino a che – destino comune a tante grandi industrie romane – la fabbrica chiuse e il complesso fu abbandonato. Oggi a vederlo da fuori continua a incutere timore, ma non più per la sua mestosità. Lo scheletro con il cemento a vista, le scale fatiscenti e le recizioni provoca angoscia. È la metafora di Roma, della sua grandezza passata e del suo decadimento presente.

Inutili i tentativi di una multinazionale dell’hotellerie di trasformarla in un albergo da 400 camere. Il progetto è abortito poco dopo il suo concepimento. Così come inutili le promesse degli amministratori che si sono succeduti di un uso sociale, abitativo e sportivo dell’area. L’ultimo sopralluogo dell’ex assessore Estella Marino è stata l’ennesima promessa non mantenuta. La proprietà – un gruppo immobiliare privato – vorrebbe vendere. Le istituzioni parlavano di acquistare, ma il futuro dell’ex Leo è oscuro come gli interni del capannone più grande. Una struttura gigante dentro la quale vivono decine di sbandati.

Il fotoreporter Emanuele Vergari ha deciso di esplorare quel mondo al confine della legge, rischiando di grosso, perfino una violenza sessuale. Il suo racconto e le sue belle foto le trovate a questo link.

E poi c’è il problema ambientale, quello per il quale l’assessore Marino aveva promesso una soluzione: residui chimici, rifiuti speciali abbandonati nella fabbrica che sono una potenziale bomba sanitaria. In caso di incendio (ipotesi niente affatto improbabile data la popolazione che ci vive) i fumi tossici si diffonderebbero in tutto il quadrante est della capitale.

Un luogo che racconta una Roma che non riesce a risollevarsi, che non prova neanche a prevenire un disastro annunciato. Come la nostra rubrica cerca di comunicare ogni lunedì ormai da mesi, una Città In Rovina!

 


 

Clicca qui per le precedenti puntate di Città in Rovina

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Andare in #bici al lavoro e diventare un “ciclomobilista” Nella puntata odierna di "Muoversi in bici in città", vi raccontiamo segreti e trucchi per gli spostamenti quotidiani casa-ufficio. Qualche #difficoltà ma tante soddisfazioni.. #16aprile #Roma 👇📰 diarioromano.it/andare-in-bici…

Orari scritti col pennarello, le persone che lasciano tutto fuori il cancello. Al centro Ama Campi Sportivi le cose non vanno bene. Rino Fabiano, Ass. Ambiente II Mun. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Orari scritti col pennarello, le persone che lasciano tutto fuori il cancello. Al centro Ama Campi Sportivi le cose non vanno bene. 
Rino Fabiano, Ass. Ambiente II Mun.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/QYndtdzZhI

Villa Celimontana chiusa da mesi per guano. I cancelli del #parco sbarrati da fine gennaio e a tutt'oggi l'amministrazione capitolina non ha saputo fornire una data per la #riapertura. La distanza tra i proclami della Sindaca e la realtà dei fatti... 👇📰 diarioromano.it/villa-celimont… Retweeted by diarioromano

Villa Celimontana chiusa da mesi per guano. I cancelli del #parco sbarrati da fine gennaio e a tutt'oggi l'amministrazione capitolina non ha saputo fornire una data per la #riapertura. La distanza tra i proclami della Sindaca e la realtà dei fatti... 👇📰 diarioromano.it/villa-celimont…

In via Tuscolana, altezza civico 781, un palo arrugginito e una vecchia palina pubblicitaria sono stati dimenticati. Non può mancare la rete arancione che tutto circonda in eterno. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - In via Tuscolana, altezza civico 781, un palo arrugginito e una vecchia palina pubblicitaria sono stati dimenticati. Non può mancare la rete arancione che tutto circonda in eterno.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/oq8wSVcsDI
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close